fbpx
Come caricare foto su Instagram da pc

Come caricare foto su Instagram da pc

Ti stavi chiedendo se è possibile e come caricare foto su Instagram da pc?

Beh ti trovi nel posto giusto.

Non sei l’unico a farsi questa domanda, come te molte altre persone se lo sono chieste.

Instagram nasce come App per uso esclusivamente da smartphone , per questo la sua interfaccia web  non permette  quest’operazione . Abbiamo quindi trovato un piccolo trucco per caricare le tue foto migliori direttamente dal tuo computer senza perdere la qualità dell’immagine.

Assicurati di usare GoogleChrome

Proprio così : primo passo fondamentale è proprio quello di essere sicuri di avere Chrome.

Molti lo troveranno già installato nel proprio pc ,altri potete scaricarlo gratuitamente.

Come caricare foto su instagram da pc:

Una volta aperto  Chrome sul tuo desktop vai sulla pagina di Instagram digitando : www.instagram.com

Eccoti necome caricare foto su instagram da pclla HomePage . Da qui effettua l’accesso al tuo account per entrare nel tuo profilo.

Potrai notare subito come la schermata  sia molto simile a quella del tuo telefono. Puoi vedere tutte le foto, le storie ed anche modificare i tuoi dati . Ma manca quello che interessa a noi: caricare una foto. Quindi vediamo subito come fare!

Dopo aver effettuato il login vai in alto a destra :troverai  tre puntini neri (Personalizza e controlla GoogleChrome) cliccando su di essi  si aprirà un menù a tenda .

Con la freccetta vai su Altri Strumenti  e clicca su Strumenti Per Sviluppatori.

Si aprirà una finestra  che prenderà quasi metà del tuo schermo con delle “strane” scritte ed in alto a sinistra di questa nuova finestrina appena aperta clicchiamo sull’icona con due schermi: ovvero il simulatore  per tablet e telefoni (Toggle device toolbar), che diventerà blu.  Appena fatto  ricarichiamo la pagina in modo da applicare correttamente il simulare e vedremo come la nostra schermata Instagram sia diventata uguale a quella del nostro telefono.

In basso al centro troverai lo stesso tasto “+ ” per caricare le tue foto che potrai prendere dal pc e potrai normalmente scegliere un filtro e scrivere una didascalia con inerenti tag e hashtag.

Dopo aver condiviso la tua foto non ti resta che chiudere la finestrina a destra cliccando sul tasto X  e ricaricare la tua pagina.

Ed il gioco è fatto!

contattaci

nardoniweb.com/contatti

 

Contattaci subito per un preventivo

12 + 10 =

CHE COS’E’ IL SEARCH ENGINE MARKETING

CHE COS’E’ IL SEARCH ENGINE MARKETING

Il SEM, termine che sta ad indicare tutte le tecniche che hanno l’obiettivo di portare traffico grazie all’acquisto di parole chiave, è l’attività che racchiude la SEO e la SEA, ovvero la gestione delle campagne pubblicitarie. La SEM è uno strumento che permette di definire il target di potenziali acquirenti, definendo una serie di parole chiave ed un copy, in modo da raggiungere gli utenti con l’annuncio.  In questo modo, le pubblicità create daranno la possibilità di incrementare la visibilità sul web.

Per fare SEM, lo strumento largamente più usato è Google Adwords, il quale gestisce tutte le ricerche effettuate in rete, di cui in Italia il 92% di queste passa attraverso il motore di Mountain View.

Google Adwords si è sviluppato nel 2000, e oggi permette di realizzare campagne search e display, le quali sono caratterizzate da un alto livello di personalizzazione.

Un’altra cosa da sapere è che l’inserzionista paga in base al suo budget ogni volta che un utente clicca sull’annuncio. Comunque, esistono altri strumenti oltre a Google Adwords che permettono di raggiungere i clienti, ad esempio BingAds, il quale consente la visualizzazione degli annunci sulle pagine di Microsoft (bing.com) e di Yahoo (yahoo.com).

 

Di seguito, ecco alcune indicazioni generali di partenza per avviare una campagna:

  • Riferirsi ad un’audience specifico, selezionando la località e il tipo di utente,
  • Usare le keyword in modo che i copy siano accattivanti,
  • Stabilire il budget,
  • Utilizzare gli insights per monitorare la campagna.

I consigli per ottimizzare le campagne

Di seguito sono riportati cinque consigli di SEM al fine di ottimizzare le campagne:

1.      La strategia Push e quella Pull : la prima differenza riguarda l’approccio verso l’utente: la pubblicità search è di tipo “pull”, mentre quella display è “push”.  La conoscenza dei due diversi canali di advertising aiuta a scegliere la strategie migliore del brand e del prodotto. 2.

2.      Località, target e dispositivi: affinchè la

4. La landing page

Nel web advertising, una volta creata la campagna, si passa alla landing pace. Essa fa parte di un parametro importante nel SEM: il punteggio qualità, che è un valore numerico correlato alla posizione occupata dall’annuncio. Inoltre, la landing page fa riferimento all’usabilità: l’utente deve immediatamente compiere l’azione che l’impresa ha identificato come obiettivo della campagna, ad esempio, deve essere portato a compilare un form, ad iscriversi alla newsletter, ad acquistare un prodotto a seconda dell’obiettivo dell’azienda.

Comunque, dato che attività commerciali o aziende diverse hanno tipologie differenti di utenti, alcune possono trarre vantaggio a sfruttare il traffico raccolto dal web per mezzo di campagne pay per clock, altre no. E’ compito di ciascun brand analizzare bene i risultati delle campagne e capire se valga la pena o no investire per sfruttare al meglio le potenzialità del SEM.

 

 

Contattaci subito per un preventivo

4 + 9 =

Comunicazione aziendale 2.0. Le basi

Comunicazione aziendale 2.0. Le basi

Comunicazione aziendale 2.0. Le basi

Come si fa comunicazione aziendale sul web.

Se hai un’azienda e non hai un sito che funziona, ti perdi la metà del mercato. Tutto ruota intorno a Google e alle sue ricerche. Come? Grazie alla comunicazione aziendale 2.0 e al web marketing. Comunicazione aziendale 2.0. Le basi

Cosa significa SEO?

Spesso avete sentito parlare di SEO ma non sapete cosa significhi. Capita spesso! SEO è l’acronimo si SEARCH ENGINE OPTIMIZATION, cioè l’ottimizzazione per i motori di ricerca.

Ogni sito ha un valore attribuitogli dai motori di ricerca. Ogni sito è posizionato su Google in base all’algoritmo sviluppato dai motori di ricerca, si stabilisce, cioè, in che misura il sito combacia con la parola chiave usata dall’utente al momento della sua ricerca.

L’indicizzazione dei siti web è l’attività di ricerca e attribuzione di valore delle parole che caratterizzano il contenuto di una pagina di sito. Comunicazione aziendale 2.0. Le basi

I siti web ben indicizzati sono quelli che sono facili da trovare dagli utenti che cercano dei prodotti, usando una parola chiave su internet.

Uso delle Keywords

Le Keywords devono descrivere perfettamente il prodotto offerto dall’azienda. La precisione è fondamentale. Più sono parole specifiche, più facile sarà trovare il sito. Esistono dei programmi che analizzano le Keywords più usate per un determinato prodotto, e che pubblicizzano un sito in base a Keywords specifiche, come Google Adwords. Spesso però, è più utile chiamare un’agenzia SEO per fare un’analisi accurata.

Le parole chiave poi vanno inserite nel HTML del sito e poi, quelle stesse keywords devono essere presenti nei testi delle pagine del sito.

Ovviamente, più le parole chiave saranno inserite in modo strutturato e organico più Google gli attribuirà valore e il sito apparirà primo nella lista nei motori di ricerca in base a quella keyword. Comunicazione aziendale 2.0. Le basi

Il web design

Il contenuto non basta per ottimizzare un sito, anche l’occhio vuole la sua parte!

Una pagina sul web deve essere chiara, pulita e soprattutto intuitiva. L’utente deve poter navigare nel tuo sito facilmente, senza intoppi e troppi passaggi.

L’importanza dei social network

Ogni sito deve avere una pagina sui social network, Facebook, Twitter, Instagram.

Un’adeguata campagna di social media marketing assicurerà un buon successo del sito.

comunicazione aziendale 2.0

Blacklink

La popolarità sul web è uno dei criteri per stabilire il posizionamento nei motori di ricerca. Come si calcola questa popolarità? In base al numero di link che puntano ad esso.

Queste sono le basi della comunicazione aziendale 2.0. Non è impossibile farla, basta rivolgersi a dei professionisti per un lavoro ben fatto che aumenti visibilità al brand.

 

Contattaci subito se vuoi essere in prima pagina su Google

Contattaci subito per un preventivo

7 + 15 =

Call Now Button
Open chat