fbpx
Le 11 regole della sicurezza su Internet e cosa non fare

Le 11 regole della sicurezza su Internet e cosa non fare

Sommario: Anche se le applicazioni giocano un ruolo maggiore nelle interazioni quotidiane online della maggior parte delle persone rispetto ai siti web tradizionali, questo non significa che le regole di base della sicurezza su Internet siano cambiate. Gli hacker sono ancora a caccia di informazioni personali che possono usare per accedere alla vostra carta di credito e alle informazioni bancarie.

Navigare in modo insicuro può portare anche altre minacce – da commenti personali imbarazzanti o immagini che, una volta online, sono quasi impossibili da cancellare, al mescolarsi con persone con cui si preferirebbe non avere niente a che fare.

Ecco 11 regole di sicurezza online da seguire per evitare di mettersi nei guai online (e fuori).

🗃️ 1. Mantieni le informazioni personali professionali e limitate

I potenziali datori di lavoro o clienti non hanno bisogno di sapere il tuo stato civile o il tuo indirizzo. Quello che hanno bisogno di sapere è la tua esperienza, il tuo percorso di carriera e come mettersi in contatto con te. Non daresti informazioni puramente personali a sconosciuti quindi non darle a milioni di persone su Internet.

🔐 2. Tenere le impostazioni della privacy attivate

I marketer amano sapere tutto di te, e lo stesso fanno gli hacker. Entrambi possono imparare molto dalla tua navigazione e dall’uso dei social media. Ma potete prendere in mano le vostre informazioni e la sicurezza wifi. Come sottolinea Lifehacker, sia i browser web che i sistemi operativi mobili hanno impostazioni per proteggere la tua privacy online. I principali siti web, come Facebook, hanno anche impostazioni per migliorare la privacy. Queste impostazioni sono a volte (deliberatamente) difficili da trovare perché le aziende vogliono le vostre informazioni personali per il loro valore commerciale. Assicurati di aver attivato queste protezioni della privacy e tienile attivate.

⛓ 3. Pratica la navigazione sicura

Se non scegliete di camminare in un quartiere pericoloso, non visitate i quartieri pericolosi su Internet. I criminali informatici usano contenuti luridi come esca. Sanno che le persone sono a volte tentate da contenuti dubbi e possono abbassare la guardia quando li cercano. La demarcazione di Internet è piena di trappole difficili da vedere, dove un click incauto potrebbe esporre dati personali o infettare il tuo dispositivo con malware. Resistendo all’impulso, non si dà nemmeno una possibilità agli hacker.

🌐 4. Assicurati che la tua connessione internet sia sicura. Utilizzare una connessione VPN sicura

Quando ci si connette a Internet in un luogo pubblico, per esempio utilizzando una connessione Wi-Fi pubblicanon si ha alcun controllo diretto sulla sua sicurezza. Gli esperti di cybersecurity aziendale si preoccupano degli “endpoint” – i luoghi dove una rete privata si connette al mondo esterno. Il tuo endpoint vulnerabile è la tua connessione Internet locale. Assicurati che il tuo dispositivo sia sicuro e, in caso di dubbio, aspetta un momento migliore (cioè fino a quando puoi connetterti a una rete Wi-Fi sicura) o cerca di connetterti con la tua connessione mobile prima di fornire informazioni come il tuo numero di conto corrente.

Per aumentare ulteriormente la sicurezza della tua navigazione in Internet, usa una connessione VPN (rete privata virtuale) sicura. La VPN ti permette di avere una connessione sicura tra il tuo dispositivo e un server Internet, in modo che nessuno possa monitorare o accedere ai dati che scambi. Per saperne di più su Cos’è una VPN

📥 5. Fare attenzione a ciò che si scarica

Uno degli obiettivi principali dei criminali informatici è quello di indurti a scaricare malware – programmi o applicazioni che portano malware o tentano di rubare informazioni. Questo malware può essere mascherato da un’applicazione – qualsiasi cosa, da un gioco popolare a qualcosa che controlla il traffico o il tempo. Non scaricare applicazioni che sembrano sospette o che provengono da un sito di cui non ti fidi.

💪🏽 6. Scegliere password forti

Le password sono una delle più grandi debolezze dell’intera struttura di sicurezza di Internet, ma attualmente non c’è modo di aggirarle. E il problema con le password è che la gente tende a scegliere password facili da ricordare (come “password” e “123456”), che sono anche facili da indovinare per i ladri informatici. Scegliete password forti che sono più difficili da decifrare per i criminali informatici. Il software di gestione delle password può aiutarvi a gestire e cambiare password in modo da non dimenticarle. Una password forte è una password unica e complessa – almeno 15 caratteri, mescolando lettere, numeri e caratteri speciali.

💳 7. Fai i acquisti online su siti sicuri

Ogni volta che fai un acquisto online, dovrai fornire le informazioni della tua carta di credito o del tuo conto bancario, che è ciò che i criminali informatici vogliono di più. Fornisci queste informazioni solo a siti che offrono connessioni sicure e criptate. Come sottolinea la Boston University, puoi identificare i siti sicuri cercando un indirizzo che inizia con https: (la S sta per secure) piuttosto che semplicemente http: Possono anche essere contrassegnati da un’icona a forma di lucchetto accanto alla barra degli indirizzi.

🤳 8. Fai attenzione a ciò che pubblichi

Internet non ha un tasto di cancellazione, come ha scoperto quel giovane candidato del New Hampshire. Qualsiasi commento o immagine che pubblichi online può rimanere online per sempre, perché cancellare l’originale (ad esempio, da Twitter) non cancella le copie fatte da altri. Non c’è modo di “rimangiarsi” un commento che vorresti non aver fatto, o sbarazzarsi di quel selfie imbarazzante che hai scattato a una festa. Non mettere online niente che non vorresti che tua madre o un potenziale datore di lavoro vedessero.

👨🏻‍💻 9. Fai attenzione a chi incontri online

Le persone che incontri online non sono sempre chi dicono di essere. In effetti, potrebbero anche non essere reali. Come riporta InfoWorld, i falsi profili di social network sono un modo popolare per gli hacker di prendere di mira gli ignari utenti del web e rubare le loro tasche informatiche. Sii prudente e ragionevole nella tua vita sociale online come lo sei nella tua vita sociale di persona.

🛡️ 10. Mantenete aggiornato il vostro software anti-virus

Il software di sicurezza Internet non può proteggere contro tutte le minacce, ma rileverà e rimuoverà la maggior parte dei malware, anche se dovreste assicurarvi che sia aggiornato. Assicurati di stare al passo con gli aggiornamenti del tuo sistema operativo e delle applicazioni che usi. Forniscono un livello vitale di sicurezza.

👻 11.La modalità in incognito di Google Chrome è debole

Il nome stesso “Incognito” dà l’impressione che tutto ciò che fai online non sarà tracciato, ma questo non è il caso di Chrome Incognito.

Anche con la modalità in incognito attivata, il browser Chrome permetterà ancora ai siti web di raccogliere informazioni sulle vostre abitudini di navigazione durante quella sessione, compresi i servizi di Google. Inoltre, il motore di ricerca predefinito è ancora Google, che continua a tracciare il tuo comportamento e può collegare quei dati al tuo indirizzo IP.

C’è un grande passo che puoi fare in Chrome per proteggere la tua privacy di navigazione. Il DNS su HTTPs nasconderà i siti che visitate al vostro provider di Internet e a chiunque altro che snobba la vostra connessione.

Per abilitare questa funzione, aprite le impostazioni di Chrome e cercate “DNS” – o semplicemente cliccate su questo link – e trovate la funzione Secure DNS. Scegli un provider dal menu a discesa “con” (OpenDNS è una buona opzione) e assicurati che il pulsante accanto a “con” sia selezionato.

Mi raccomando!

Tenete a mente queste 11 regole di base della sicurezza di Internet ed eviterete molte delle brutte sorprese che possono capitare agli incauti.

Tradotto in italiano da Enrica da kaspersky.com e Forbes

Le 11 regole della sicurezza su Internet e cosa non fare

Sicurezza Wifi: ecco come proteggere la tua rete domestica

Sicurezza Wifi: ecco come proteggere la tua rete domestica

Sommario: Possiedi un modem WiFi in casa? La sicurezza della tua rete domestica dovrebbe essere la priorità. Leggi la nostra guida per scoprire come controllarla.

In questo articolo parleremo di sicurezza rete WiFi e andremo a vedere come configurarla al meglio. Inoltre analizzeremo quali precauzioni prendere per essere al sicuro da eventuali attacchi informatici che possono violare la nostra privacy. Cominciamo!

La diffusione delle reti WiFi

Nell’ultimo decennio possedere una rete WiFi nella propria abitazione è diventato qualcosa di indispensabile, oggi ancor più dell’avere un numero di telefono fisso.

In particolare l’avvento prepotente degli smartphone e l’economicità delle tariffe, hanno cancellato la necessità di avere “il numero di casa”, essendo ormai raggiungibili ovunque e a prezzi accessibili direttamente dal nostro amico cellulare.

Il contrario è invece successo con le reti WiFi: lo sviluppo tecnologico ha accresciuto in maniera esponenziale il bisogno di rimanere sempre connessi. Dunque ad oggi possedere una connessione internet illimitata nella propria abitazione è diventato un vero e proprio bene primario (e non solo in casa: dai un’occhiata a questo articolo per scoprire i migliori modem portatili in circolazione sul mercato)

L’importanza di un Wifi sicuro

Quindi come abbiamo appena detto, tutti ormai hanno una rete WiFi in casa. Ma quanti invece sanno come proteggerla?

Infatti lo sviluppo tecnologico ha portato tanti benefici, ma anche nuove minacce da tenere in considerazione e che purtroppo invece molte persone sottovalutano pericolosamente. Essere sempre connessi rappresenta un rischio per la sicurezza WiFi, nonché la nostra privacy, che può essere, senza le giuste precauzioni, facilmente violata con conseguenze che vanno dal furto di dati sensibili fino al controllo di tutti gli apparecchi “Smart” presenti in casa, dal proprio pc fino al cancello di casa comandato via wifi dall’app sul proprio telefono.

Il router WiFi, o rete WLAN (Wireless Local Area Network) rappresenta lo snodo principale da cui la rete arriva e si dirama a tutti i nostri accessori che ci rendono connessi. È dunque nostro dovere e interesse creare una protezione WiFi e fare in modo che sia un fortino invalicabile per virus ed hacker, il muro di cinta della parte virtuale della nostra abitazione. Vediamo come.

Proteggere rete WiFi: i migliori consigli per la sicurezza

Andiamo ora ad illustrare una serie di accorgimenti che possono aumentare sensibilmente la WiFi sicurezza della propria rete domestica senza troppa difficoltà. Si tratta infatti di piccoli escamotage di immediata comprensione, che però sono assolutamente efficaci.

Cambiare le credenziali di accesso al pannello di controllo del proprio modem WiFi

Molti ignorano che, oltre alla password per accedere alla rete WiFi, esistono anche delle credenziali di accesso che non servono per connettersi alla rete WiFi, ma al pannello di controllo del modem stesso, per poterne modificare le impostazioni a piacimento. Inoltre spesso queste credenziali sono di default semplicissime, per permettere appunto all’utente di fare il primo accesso e cambiarle. Solitamente sono credenziali del tipo “Admin/Admin” oppure “Admin/1234”.

E’ dunque di fondamentale importanza cambiarle al più presto per aumentare la protezione Wlan e non lasciare una vera e propria autostrada di ingresso alla propria rete domestica.

Come accedere al pannello di controllo e modificare le credenziali

  • Per accedere al pannello di controllo del proprio modem il procedimento è semplicissimo: basta ricercare su Google il proprio indirizzo IP e inserirlo nella barra di navigazione web. Si arriverà così alla pagina del sopracitato pannello di controllo, dove verranno chieste username e password che, con ogni probabilità, saranno quelle default illustrate qualche riga fa.

Come modificare le credenziali di accesso al pannello di controllo

  • Una volta dentro, basterà andare a ricercare la sezione “Manutenzione” o “Amministrazione” per poter facilmente trovare l’impostazione “Cambia nome utente/Password”. A questo punto la cosa migliore da fare sarà quella di inserire credenziali personalizzate, che rispettino alcuni accorgimenti come quello di usare password che contengano numeri, maiuscole, caratteri speciali ed una lunghezza adeguata. Vedremo meglio questo passaggio nel prossimo paragrafo.

Cambiare la password di default per la sicurezza della connessione wifi

Uno dei più grandi errori che possono essere fatti in termini di WiFi sicurezza è, oltre a quello di lasciare le credenziali di accesso alla gestione del modem di default, quello di lasciare anche la password di accesso al WiFi stesso di default.

Spesso queste, a differenza di quelle del pannello di controllo, sono chiavi di accesso anche complicate, ma pur sempre di default. Un eventuale hacker informatico potrebbe, soprattutto conoscendo il tipo di router che sta cercando di violare, risalire alla password di default ed entrare nella vostra rete dalla porta principale.

È dunque importante cambiare la password, ma come? Per una WiFi sicurezza massima, fondamentale è l’uso di una chiave a 24 caratteri, che includano l’uso di maiuscole, minuscole, numeri e anche qualche carattere speciale (# , * , ! , ?, ecc.). Leggi l’articolo dedicato per scoprire passo passo come cambiare la password del proprio modem.

Cambiare e nascondere il nome del SSID

Altro punto semplice, ma essenziale in ottica WiFi sicurezza è quello che riguarda il SSID, ovvero il nome con cui la nostra rete wifi viene rilevata da chi è nelle vicinanze. In questo caso la prima cosa che occorre fare è quella di cambiarne il nome nel caso contenesse:

  1. Il nome dell’operatore che fornisce il modem ed il suo numero di serie (Es. “Vodafone-1234567890”)
  2. Dati personali (nome, cognome, ecc.)

Un altro accorgimento che può tornare utile, ma che allo stesso tempo può anche rivelarsi una leggera seccatura è quello, nei modem dove risulta possibile (in alcuni router questa funzionalità si chiama SSID Broadcast), di nascondere la visibilità del SSID. In altre parole, solo chi conosce il nome esatto della rete sarà in grado di potersi connettere, mentre per tutti gli altri dispositivi la rete WiFi non comparirà nemmeno nell’elenco delle disponibili. Un piccolo trucchetto che regala quel tocco di protezione rete wifi in più alla propria connessione, ora “nascosta”.

Wifi sicurezza: Utilizzare il protocollo di sicurezza adatto

Ad oggi è normale impostare una password per la propria rete wifi domestica e, come abbiamo visto sopra, è importante che essa sia di un certo numero di caratteri, ricca di maiuscole, numeri e simboli. Tuttavia è necessario sapere che dietro alla password del WiFi c’è uno specifico protocollo di codifica e autentificazione che fa in modo che sia il più difficile possibile per un hacker rubare la password per accedere alla rete.

Nel corso degli anni si sono succeduti vari protocolli di codifica, sotto la sigla di WEP, WPA, WPA2 o WPS.

Non ci dilungheremo ora in complicate spiegazioni delle differenze tra i vari standard di codifica, ma basterà sapere che ad oggi WPA2 è il protocollo di gran lunga più sicuro sul mercato, nonché il più moderno.

Cronologicamente infatti si parte dal WEP, il primo ad essere inventato nel lontano 1997, e di conseguenza con diverse falle di sicurezza, soprattutto con il passare degli anni e con lo sviluppo tecnologico.

  • E’ stato quindi creato negli anni successivi, sempre partendo dall’architettura dell’apripista WEP, un nuovo protocollo di codifica, chiamato WPA, e dopo ancora il WPA2.
  • Oggi quasi tutti i modem di nuova generazione usano lo standard WPA2 di default, ma non nei router più datati. Inoltre spesso è  possibile impostare quale protocollo utilizzare. In questo caso, la scelta, come ho appena spiegato, deve ricadere sul WPA2.

Infine esiste un’altra possibilità di accesso alla rete WiFi, nei modem di nuova generazione, chiamata WPS. Non si tratta di un protocollo di codifica come gli altri, ma è pensato per snellire il procedimento di accesso alla rete, premendo un pulsante apposito sul router che consente di bypassare l’inserimento della password.

Il consiglio, nel caso in cui non fosse una funzionalità usata spesso, è quello di disattivare questa impostazione.

Come disattivare il WPS sul proprio modem wifi

Se, come detto precedentemente, non fate grande uso del tasto WPS sul vostro modem wifi, la soluzione migliore è quella di spegnerlo per evitare che un eventuale virus o hacker informatico ne faccia uso per entrare nella rete WiFi domestica.

  • Per fare ciò è necessario ancora una volta entrare nel pannello di controllo del router attraverso l’indirizzo IP e andare, come quando abbiamo illustrato i passaggi per il cambio delle credenziali di accesso, alla sezione “Manutenzione” o “Amministrazione”.
  • A questo punto basterà cliccare sulla sezione dedicata alle impostazioni wireless e disattivare la funzionalità WPS del proprio router.
  • A volte, nonostante il proprio modem supporti il WPS, l’opzione per disabilitarlo non compare nel pannello di controllo, bensì compare una voce relativa ad un PIN. In questo caso, basterà disattivare il PIN per poter spegnere anche la funzionalità WPS.

Componenti di sicurezza wifi aggiuntivi

Come proteggere la rete wireless ancora? Oltre ai protocolli precedentemente esposti, esistono componenti di sicurezza aggiuntiva che possono contribuire a rendere inespugnabile la propria rete wifi. Tra questi ricordiamo:

  1. L’IEEE 802.1X, un protocollo di sicurezza port-based che concede l’accesso agli utenti che cercano di stabilire una connessione solamente dopo l’approvazione e l’esaminazione da parte di un server appositamente dedicato alla funzione di verifica. Il server ricorre a un elenco, che viene impostato precedentemente, che chiarisce se il dispositivo che fa richiesta può ricevere il permesso di collegarsi alla rete wireless. Si tratta di un procedimento di autenticazione basato sull’EAP (Extensible Authentication Protocol), il quale supporta anche il WPA2. Quando WPA2 ed IEEE 802.1X lavorano insieme, si parla di WPA2-1X o WPA2/802.1X.
  2. Intrusion Detection System, dispositivi software o hardware (o a volte la combinazione di entrambi, sotto forma di sistemi stand-alone pre-installati e pre-configurati) utilizzati per identificare accessi non autorizzati ai computer o alle reti locali.
  3. Firewall, un modulo che si occupa di filtrare il traffico in transito dall’esterno. Grazie ad un firewall è possibile filtrare un gran numero di informazioni, ma esiste anche il rischio di rallentare la velocità della connessione e bloccare trasmissioni lecite, rendendolo uno strumento limitante, più che sicuro. Se hai un firewall attivo e pensi di avere una connessione troppo lenta, leggi questo articolo per scoprire come fare uno speed test della connessione.

Wifi sicuro con il filtro degli indirizzi MAC

Un altro valido alleato della propria privacy è il filtro degli indirizzi MAC. Di cosa stiamo parlando?

Un indirizzo MAC è un codice univoco presente in ogni dispositivo contenente una scheda ethernet o wireless che viene inserito dal produttore stesso. Nei modem che presentano questa impostazione è, dunque, possibile attivare un filtro di questi codici unici, che rendono così possibile l’accesso alla rete solamente ai dispositivi presenti nella lista filtro.

Call Now Button
Open chat