fbpx
Le 11 regole della sicurezza su Internet e cosa non fare

Le 11 regole della sicurezza su Internet e cosa non fare

Sommario: Anche se le applicazioni giocano un ruolo maggiore nelle interazioni quotidiane online della maggior parte delle persone rispetto ai siti web tradizionali, questo non significa che le regole di base della sicurezza su Internet siano cambiate. Gli hacker sono ancora a caccia di informazioni personali che possono usare per accedere alla vostra carta di credito e alle informazioni bancarie.

Navigare in modo insicuro può portare anche altre minacce – da commenti personali imbarazzanti o immagini che, una volta online, sono quasi impossibili da cancellare, al mescolarsi con persone con cui si preferirebbe non avere niente a che fare.

Ecco 11 regole di sicurezza online da seguire per evitare di mettersi nei guai online (e fuori).

🗃️ 1. Mantieni le informazioni personali professionali e limitate

I potenziali datori di lavoro o clienti non hanno bisogno di sapere il tuo stato civile o il tuo indirizzo. Quello che hanno bisogno di sapere è la tua esperienza, il tuo percorso di carriera e come mettersi in contatto con te. Non daresti informazioni puramente personali a sconosciuti quindi non darle a milioni di persone su Internet.

🔐 2. Tenere le impostazioni della privacy attivate

I marketer amano sapere tutto di te, e lo stesso fanno gli hacker. Entrambi possono imparare molto dalla tua navigazione e dall’uso dei social media. Ma potete prendere in mano le vostre informazioni e la sicurezza wifi. Come sottolinea Lifehacker, sia i browser web che i sistemi operativi mobili hanno impostazioni per proteggere la tua privacy online. I principali siti web, come Facebook, hanno anche impostazioni per migliorare la privacy. Queste impostazioni sono a volte (deliberatamente) difficili da trovare perché le aziende vogliono le vostre informazioni personali per il loro valore commerciale. Assicurati di aver attivato queste protezioni della privacy e tienile attivate.

⛓ 3. Pratica la navigazione sicura

Se non scegliete di camminare in un quartiere pericoloso, non visitate i quartieri pericolosi su Internet. I criminali informatici usano contenuti luridi come esca. Sanno che le persone sono a volte tentate da contenuti dubbi e possono abbassare la guardia quando li cercano. La demarcazione di Internet è piena di trappole difficili da vedere, dove un click incauto potrebbe esporre dati personali o infettare il tuo dispositivo con malware. Resistendo all’impulso, non si dà nemmeno una possibilità agli hacker.

🌐 4. Assicurati che la tua connessione internet sia sicura. Utilizzare una connessione VPN sicura

Quando ci si connette a Internet in un luogo pubblico, per esempio utilizzando una connessione Wi-Fi pubblicanon si ha alcun controllo diretto sulla sua sicurezza. Gli esperti di cybersecurity aziendale si preoccupano degli “endpoint” – i luoghi dove una rete privata si connette al mondo esterno. Il tuo endpoint vulnerabile è la tua connessione Internet locale. Assicurati che il tuo dispositivo sia sicuro e, in caso di dubbio, aspetta un momento migliore (cioè fino a quando puoi connetterti a una rete Wi-Fi sicura) o cerca di connetterti con la tua connessione mobile prima di fornire informazioni come il tuo numero di conto corrente.

Per aumentare ulteriormente la sicurezza della tua navigazione in Internet, usa una connessione VPN (rete privata virtuale) sicura. La VPN ti permette di avere una connessione sicura tra il tuo dispositivo e un server Internet, in modo che nessuno possa monitorare o accedere ai dati che scambi. Per saperne di più su Cos’è una VPN

📥 5. Fare attenzione a ciò che si scarica

Uno degli obiettivi principali dei criminali informatici è quello di indurti a scaricare malware – programmi o applicazioni che portano malware o tentano di rubare informazioni. Questo malware può essere mascherato da un’applicazione – qualsiasi cosa, da un gioco popolare a qualcosa che controlla il traffico o il tempo. Non scaricare applicazioni che sembrano sospette o che provengono da un sito di cui non ti fidi.

💪🏽 6. Scegliere password forti

Le password sono una delle più grandi debolezze dell’intera struttura di sicurezza di Internet, ma attualmente non c’è modo di aggirarle. E il problema con le password è che la gente tende a scegliere password facili da ricordare (come “password” e “123456”), che sono anche facili da indovinare per i ladri informatici. Scegliete password forti che sono più difficili da decifrare per i criminali informatici. Il software di gestione delle password può aiutarvi a gestire e cambiare password in modo da non dimenticarle. Una password forte è una password unica e complessa – almeno 15 caratteri, mescolando lettere, numeri e caratteri speciali.

💳 7. Fai i acquisti online su siti sicuri

Ogni volta che fai un acquisto online, dovrai fornire le informazioni della tua carta di credito o del tuo conto bancario, che è ciò che i criminali informatici vogliono di più. Fornisci queste informazioni solo a siti che offrono connessioni sicure e criptate. Come sottolinea la Boston University, puoi identificare i siti sicuri cercando un indirizzo che inizia con https: (la S sta per secure) piuttosto che semplicemente http: Possono anche essere contrassegnati da un’icona a forma di lucchetto accanto alla barra degli indirizzi.

🤳 8. Fai attenzione a ciò che pubblichi

Internet non ha un tasto di cancellazione, come ha scoperto quel giovane candidato del New Hampshire. Qualsiasi commento o immagine che pubblichi online può rimanere online per sempre, perché cancellare l’originale (ad esempio, da Twitter) non cancella le copie fatte da altri. Non c’è modo di “rimangiarsi” un commento che vorresti non aver fatto, o sbarazzarsi di quel selfie imbarazzante che hai scattato a una festa. Non mettere online niente che non vorresti che tua madre o un potenziale datore di lavoro vedessero.

👨🏻‍💻 9. Fai attenzione a chi incontri online

Le persone che incontri online non sono sempre chi dicono di essere. In effetti, potrebbero anche non essere reali. Come riporta InfoWorld, i falsi profili di social network sono un modo popolare per gli hacker di prendere di mira gli ignari utenti del web e rubare le loro tasche informatiche. Sii prudente e ragionevole nella tua vita sociale online come lo sei nella tua vita sociale di persona.

🛡️ 10. Mantenete aggiornato il vostro software anti-virus

Il software di sicurezza Internet non può proteggere contro tutte le minacce, ma rileverà e rimuoverà la maggior parte dei malware, anche se dovreste assicurarvi che sia aggiornato. Assicurati di stare al passo con gli aggiornamenti del tuo sistema operativo e delle applicazioni che usi. Forniscono un livello vitale di sicurezza.

👻 11.La modalità in incognito di Google Chrome è debole

Il nome stesso “Incognito” dà l’impressione che tutto ciò che fai online non sarà tracciato, ma questo non è il caso di Chrome Incognito.

Anche con la modalità in incognito attivata, il browser Chrome permetterà ancora ai siti web di raccogliere informazioni sulle vostre abitudini di navigazione durante quella sessione, compresi i servizi di Google. Inoltre, il motore di ricerca predefinito è ancora Google, che continua a tracciare il tuo comportamento e può collegare quei dati al tuo indirizzo IP.

C’è un grande passo che puoi fare in Chrome per proteggere la tua privacy di navigazione. Il DNS su HTTPs nasconderà i siti che visitate al vostro provider di Internet e a chiunque altro che snobba la vostra connessione.

Per abilitare questa funzione, aprite le impostazioni di Chrome e cercate “DNS” – o semplicemente cliccate su questo link – e trovate la funzione Secure DNS. Scegli un provider dal menu a discesa “con” (OpenDNS è una buona opzione) e assicurati che il pulsante accanto a “con” sia selezionato.

Mi raccomando!

Tenete a mente queste 11 regole di base della sicurezza di Internet ed eviterete molte delle brutte sorprese che possono capitare agli incauti.

Tradotto in italiano da Enrica da kaspersky.com e Forbes

Le 11 regole della sicurezza su Internet e cosa non fare

Come sta cambiando il modo di fare acquisti: dal digitale al cashback

Come sta cambiando il modo di fare acquisti: dal digitale al cashback

Cashback shopping: in che modo i clienti gratificanti attirano vendite aggiuntive

Lo shopping cashback è una tendenza in crescita nell’e-commerce: sta diventando un’alternativa popolare ai prezzi convenzionali.

I siti web di cashback premiano i clienti quando fanno acquisti online restituendo loro una percentuale di quanto spendono quando acquistano beni e servizi.

Fare acquisti mentre si guadagna denaro suona come un affare vantaggioso per i clienti . Ma per quanto riguarda le aziende? Lo shopping con rimborso è una forma di promozione relativamente giovane e popolare che vede milioni di consumatori in tutto il mondo acquistare da migliaia di rivenditori con conseguenti miliardi di dollari di entrate.

Marco Bertini, professore associato presso Esade, ei suoi coautori Prasad Vana (Tuck School of Business) e Anja Lambrecht (London Business School) rivelano perché gratificare i clienti fa bene agli affari e può generare vendite aggiuntive.

I ricercatori hanno analizzato più di 3,4 milioni di transazioni effettuate dai consumatori nei negozi di cashback . In media, un consumatore ha effettuato un totale di 45 acquisti in 36 giorni, ciascuno del valore di 305 dollari, e ha ricevuto un pagamento di rimborso in 12 giorni, ciascuno del valore di 51 dollari.

  1. I pagamenti di rimborso attirano acquisti aggiuntivi I
    pagamenti di rimborso aumentano la probabilità che i consumatori effettuino un acquisto aggiuntivo tramite il sito Web della società di rimborso.
  2. I pagamenti di rimborso aumentano la dimensione degli acquisti futuri I
    consumatori che ricevono pagamenti di rimborso non solo hanno maggiori probabilità di acquistare di nuovo dalla stessa azienda, ma una volta che lo fanno, aumentano la dimensione del loro acquisto futuro.

“La scoperta che i consumatori sono suscettibili alla promessa di risparmio è sorprendente perché i consumatori sono liberi di spendere i soldi in qualsiasi modo ritengano opportuno, e tuttavia scelgono di spenderli acquistando nuovamente dalla stessa azienda”, affermano gli autori.

Cashback shopping: una tendenza multimilionaria in crescita
La principale società di cashback negli Stati Uniti, Ebates , ha elaborato pagamenti di cashback per oltre 800 milioni di dollari a più di 10 milioni di consumatori da quando ha iniziato ad operare nel 1998.
Nel Regno Unito, Quidco ha elaborato più di 64 milioni di dollari di pagamenti in contanti ai suoi sette milioni di utenti registrati nel solo 2016 e ha facilitato vendite per quasi 1 miliardo di dollari per 4.300 rivenditori.

3 spiegazioni sul comportamento d’acquisto

Gli autori delineano tre possibili spiegazioni che portano i consumatori ad adottare questo comportamento di acquisto.

1. Soldi imprevisti

I dati suggeriscono una possibile spiegazione per questo comportamento: i consumatori percepiscono i pagamenti di rimborso come inaspettati. Questa percezione di centesimi dal cielo spiegherebbe perché i consumatori sono più propensi a spendere pagamenti di rimborso tramite la società di rimborso.

I consumatori percepiscono i pagamenti di rimborso come guadagni inaspettati

2. Dispositivo di pianificazione

Una seconda spiegazione è che i consumatori utilizzano i pagamenti cashback per programmare gli acquisti futuri . Una motivazione può essere finanziaria: i consumatori con problemi di liquidità posticipano la spesa fino a quando non ricevono pagamenti di rimborso e hanno più soldi a portata di mano.

3. Stato transitorio

Gli autori suggeriscono anche che i pagamenti di rimborso potrebbero innescare uno stato transitorio nei consumatori: “È possibile che i pagamenti di rimborso migliorino il proprio umore, o che i consumatori li percepiscano come atti di gentilezza e ricambino spendendo attraverso la società di rimborso. I pagamenti di rimborso possono avere una temporanea effetto sui clienti che aumenta la loro propensione all’acquisto e alla spesa “.

Delle tre possibili spiegazioni, gli autori propongono che quella più probabile sia la prima perché maggiore è il pagamento del rimborso, minori sono gli effetti. “Le persone spendono i guadagni inaspettati nella misura in cui appaiono piccoli cambiamenti privi di significato nella propria ricchezza. Man mano che i guadagni inaspettati crescono, è più probabile che vengano visti come beni e, quindi, più probabilità di essere salvati”.

Negozi generalisti: la scelta preferita

Un altro approfondimento della ricerca rivela che i pagamenti di rimborso influenzano il comportamento di acquisto in modo diverso a seconda del tipo di rivenditore.

“Una volta che i consumatori vengono premiati per i loro acquisti, sono più propensi a spendere i soldi loro restituiti in siti generalisti come i grandi magazzini e meno propensi a farlo in categorie come viaggi e servizi in abbonamento”.

Le società di rimborso sembrano in gran parte inconsapevoli degli effetti dei pagamenti di rimborso. L’analisi propone inoltre che le società di cashback possano aumentare i propri ricavi progettando promozioni che non solo attraggono un acquisto iniziale ma stimolano anche acquisti futuri.

Come coprire da copyright il tuo sito web

Come coprire da copyright il tuo sito web

Hai dedicato molto lavoro alla creazione del tuo sito Web , quindi ha sicuramente senso che tu voglia proteggerlo da ladri e duplicatori di contenuti. Tale impulso potrebbe averti spinto a chiederti “come posso proteggere il mio sito Web da copyright?” E che dire di tutti i singoli elementi sul sito? Avrebbe sicuramente senso sapere come proteggere un logo o un post sul blog.

Se hai mai riflettuto su questa domanda, questo post fa per te. In esso, discuteremo due termini di proprietà intellettuale: copyright e marchio . Quindi, illustreremo come è possibile applicare tali termini al tuo sito Web ( e a quale parte del sito si applica ogni termine ), comprese le guide dettagliate su come presentare un reclamo o marchio registrato negli Stati Uniti.

Nota: questa non è una consulenza legale. È pensato per essere un’introduzione generale al tema del marchio e del copyright per gli utenti di WordPress. Se hai domande specifiche, ti consigliamo vivamente di consultare un avvocato.

Le differenze tra marchi e diritti d’autore
Le persone spesso usano il copyright e il marchio in modo intercambiabile. Ma mentre entrambi si occupano di proprietà intellettuale, i due termini si applicano a cose diverse :

Copyright (ad esempio, come proteggere un logo da copyright)
Il copyright si applica alle opere originali, tra cui “opere letterarie, drammatiche, musicali, artistiche e alcune altre opere intellettuali”.

Se vuoi proteggere un intero post sul blog o una foto che hai scattato, usa il copyright:

Tutti i contenuti originali creati sul tuo sito Web sono protetti dalla legge sul copyright.
Ciò include opere creative come fotografie , disegni, articoli scritti e altro.
Una volta che l’opera creativa diventa tangibile (cioè la pubblicazione), la legge sul copyright entra in vigore.
Mentre il tuo lavoro originale è protetto da copyright per impostazione predefinita, è più facile ottenere un risarcimento e proteggere i tuoi contenuti con un copyright registrato.
Esiste qualcosa chiamato principio del “Fair Use”, il che significa che alcune o tutte le tue opere protette da copyright potrebbero a volte essere disponibili al pubblico.
marchi
I marchi si applicano a “parole, nomi, simboli, suoni o colori che distinguono prodotti e servizi da quelli fabbricati o venduti da altri e per indicare la fonte dei prodotti”.

Se vuoi proteggere il nome del tuo sito web o il tuo logo , usi un marchio.

I marchi registrati non possono mai essere utilizzati senza autorizzazione. Pertanto, proteggi le parti più preziose del tuo marchio con marchi.
I marchi comprendono tutti gli articoli che differenziano i prodotti o servizi venduti dalla tua azienda.
Ad esempio, i marchi commerciali coprono simboli, colori, jingle, segni denominativi, nomi di società e altro ancora.
I nomi personali non possono essere marchi se non ampiamente riconosciuti e unici, come Cabela o Ford.
Perché dovrei copyright il mio sito Web?
I diritti d’autore e marchi aiutano dopo aver generato un seguito e creato un’attività con valore . In questo modo, nessuno cerca di creare un’entità duplicata con il tuo nome e logo, o qualcosa che assomigli o suoni in modo simile.

Non è una necessità assoluta per tutti i siti e molti blogger non si preoccupano di questo. Ma se prendi sul serio il tuo blog come azienda, la registrazione dei diritti d’autore e dei marchi adeguati può offrirti una protezione aggiuntiva contro gli imitatori.

Come posso proteggere il mio sito Web e ottenere i miei marchi?
Negli Stati Uniti, le opere creative sono protette dalla legge sul copyright per impostazione predefinita. Sì, sei ancora tecnicamente protetto anche se non registri proattivamente il copyright.

Ciò significa che ogni volta che crei qualcosa di unico, come un post sul blog, è automaticamente di tua proprietà. Tuttavia, questo non significa esattamente che hai qualche leva legale se qualcuno decide di rubare i tuoi articoli o logo.

In effetti, spesso tutto ciò che puoi fare senza un copyright registrato è inviare una lettera di cessazione e desistere. Ma se impari a tutelare il copyright di un logo e di tutti gli altri elementi del tuo sito, è molto più facile per te riscuotere un risarcimento.

In breve, i diritti d’autore sono utilizzati al meglio per proteggere il tuo blog e gli articoli. Lo stesso vale per le fotografie. Quando si tratta di impedire ad altre persone di utilizzare il nome e il logo dell’azienda, è qui che entrano in gioco i marchi per ulteriore difesa.

Il tuo sito è protetto? Sai come proteggere il copyright di un logo e di altri elementi del sito Web?
Se hai mai posto la domanda “Devo proteggere il mio sito Web da copyright”, la risposta è questa: se hai intenzione di guadagnare dal tuo sito, i marchi e i diritti d’autore offrono maggiore protezione. Se è solo un hobby o un diario , non ha davvero senso.

Quindi, assicurati di leggere attentamente questa guida per assicurarti di sapere come proteggere un logo, il tuo sito Web, il nome del tuo blog e parti potenzialmente più piccole come i post e le immagini. Oh sì, e non dimenticare di proteggere qualsiasi design o prodotto originale che stai vendendo.

Ancora una volta, la soluzione migliore è prendere questo consiglio e usarlo mentre si parla con un avvocato. Se hai domande di base sul copyright o su marchi del tuo sito Web, faccelo sapere nei commenti qui sotto.

Come fare business online

Come fare business online

Come fare business online

Esiste una sequenza comprovata di passaggi che è possibile seguire per garantire il successo quando si avvia un’impresa online . Ho visto migliaia di persone avviare e far crescere attività di successo nel modo seguente:

  1. Trova un bisogno reale nella società. Come fare business online
  2. Scrivi il progetto.
  3. Progetta e costruisci un sito Web facile da usare.
  4. Utilizza i motori di ricerca per indirizzare il traffico verso il tuo sito.
  5. Stabilisci una reputazione esperta per te stesso.
  6. Segui i tuoi clienti e crea la posta elettronica.
  7. Aumenta le tue entrate attraverso vendite back-end e upselling.

Chiunque, dal principiante all’imprenditore online esperto, può trarre vantaggio da questo processo nell’apprendimento di come avviare un’attività online.

Correlati: 10 servizi di fatturazione online per i proprietari di piccole imprese

Passaggio 1: avviare un’attività in grado di soddisfare un’esigenza.

La maggior parte delle persone che hanno appena iniziato commettono l’errore di cercare prima un prodotto e poi un mercato.

Per aumentare le tue possibilità di successo, inizia con un mercato. Il trucco è trovare un gruppo di persone che cercano una soluzione a un problema, ma non trovano molti risultati. Internet semplifica questo tipo di ricerche di mercato:

  • Visita i forum online per vedere quali domande le persone fanno e quali problemi stanno cercando di risolvere.
  • Fai una ricerca per parole chiave per trovare parole chiave che molte persone stanno cercando, ma non hanno molta concorrenza con altri siti.
  • Dai un’occhiata ai tuoi potenziali concorrenti visitando i loro siti e prendendo nota di ciò che stanno facendo per soddisfare la domanda. Quindi puoi utilizzare ciò che hai imparato e creare un prodotto per un mercato già esistente e farlo meglio della concorrenza.

Correlati: 8 fantastiche app di tracciamento del tempo per liberi professionisti

Passaggio 2: scrivere una copia che vende.

Esiste una formula comprovata per la copia delle vendite che accompagna i visitatori attraverso il processo di vendita dal momento in cui arrivano al momento in cui effettuano un acquisto:

  1. Suscita interesse con un titolo convincente.
  2. Descrivi il problema risolto dal tuo prodotto.
  3. Stabilisci la tua credibilità come risolutore di questo problema.
  4. Aggiungi testimonianze di persone che hanno utilizzato il tuo prodotto.
  5. Parlare del prodotto e dei vantaggi per l’utente.
  6. Fare un’offerta.
  7. Fai una forte garanzia.
  8. Crea urgenza.
  9. Chiedi la vendita.

Durante la tua copia, devi concentrarti su come il tuo prodotto o servizio è in grado di risolvere i problemi delle persone o migliorare la loro vita. Pensa come un cliente e chiedi “Cosa c’è dentro per me?”

Libro correlato: Scrivi il tuo piano aziendale dallo staff di Entrepreneur Media, Inc. Come fare business online

Step 3: Progetta e costruisci il tuo sito web. Come fare business online

Una volta che hai il tuo mercato e prodotto, e hai inchiodato il processo di vendita, ora sei pronto per il tuo web design per piccole imprese. Ricorda di mantenerlo semplice. Hai meno di cinque secondi per attirare l’attenzione di qualcuno – altrimenti, se ne sono andati, per non essere mai più visti. Alcuni consigli importanti da tenere a mente: Come fare business online

  • Scegli uno o due caratteri semplici su uno sfondo bianco.
  • Rendi la tua navigazione chiara e semplice e uguale su ogni pagina.
  • Usa grafica, audio o video solo se migliorano il tuo messaggio.
  • Includi un’offerta di attivazione in modo da poter raccogliere indirizzi e-mail.
  • Semplifica l’acquisto: non più di due clic tra potenziale cliente e checkout.
  • Il tuo sito web è il tuo negozio online, quindi rendilo adatto ai clienti.

Correlati: I 10 migliori strumenti della piattaforma Chatbot per creare chatbot per la tua azienda Come fare business online

Passaggio 4: utilizza i motori di ricerca per indirizzare gli acquirenti target al tuo sito.

La pubblicità pay-per-click è il modo più semplice per indirizzare il traffico verso un sito nuovo di zecca. Ha due vantaggi sull’attesa organica del traffico. In primo luogo, gli annunci PPC vengono immediatamente pubblicati nelle pagine di ricerca e, in secondo luogo, gli annunci PPC consentono di testare diverse parole chiave, nonché titoli, prezzi e approcci di vendita. Non solo ricevi traffico immediato, ma puoi anche utilizzare gli annunci PPC per scoprire le parole chiave migliori e con la più alta conversione. Quindi puoi distribuire le parole chiave in tutto il tuo sito nella tua copia e codice, che aiuteranno le tue classifiche nei risultati di ricerca organici. Come fare business online

Libro correlato: Guida definitiva alla pubblicità pay-per-click di Richard Stokes

Passaggio 5: stabilire una reputazione di esperti per te stesso.

Le persone usano Internet per trovare informazioni. Fornisci tali informazioni gratuitamente ad altri siti e vedrai più traffico e migliori classifiche dei motori di ricerca. Il segreto è includere sempre un link al tuo sito con ogni informazione.

  • Regala gratuitamente contenuti di esperti. Crea articoli, video o qualsiasi altro contenuto che le persone possano trovare utili. Distribuire tale contenuto tramite directory di articoli online o siti di social media.
  • Includi collegamenti “invia a un amico” su contenuti di valore sul tuo sito web.
  • Diventa un esperto attivo nei forum del settore e nei siti di social network in cui il tuo mercato di riferimento è in sospeso.

Correlati: Come creare un chatbot di Facebook Messenger gratuitamente senza codifica Come fare business online

Raggiungerai nuovi lettori. Ma ancora meglio, ogni sito che pubblica i tuoi contenuti rimanderà ai tuoi. I motori di ricerca adorano i collegamenti da siti pertinenti e ti premieranno nelle classifiche.

Libro correlato: No BS Trust-Based Marketing di Dan S. Kennedy e Matt Zagula

Passaggio 6. Utilizza la potenza dell’email marketing per trasformare i visitatori in acquirenti.

Quando crei un elenco di opt-in, crei una delle risorse più preziose della tua attività online. I tuoi clienti e abbonati ti hanno dato il permesso di inviare loro un’e-mail. Questo significa: Come fare business online

  • Stai dando loro qualcosa che hanno chiesto.
  • Stai sviluppando rapporti di vita con loro.
  • La risposta è misurabile al 100%.
  • L’email marketing è più economico ed efficace rispetto alla stampa, alla TV o alla radio perché è altamente mirato.

Chiunque visiti il ​​tuo sito e acceda alla tua lista è un vantaggio molto caldo. E non esiste uno strumento migliore dell’email per dare seguito a tali contatti.

Offerta correlata: ottieni una prova gratuita di 60 giorni sulla piattaforma di email marketing Constant Contact. Come fare business online

Passaggio 7: aumentare le entrate attraverso vendite back-end e upselling.

Una delle più importanti strategie di marketing su Internet è quella di sviluppare il valore della vita di ogni cliente. Almeno il 36 percento delle persone che hanno acquistato da te una volta comprerà di nuovo da te se le segui. Chiudere quella prima vendita è di gran lunga la parte più difficile – per non parlare della più costosa. Quindi usa la vendita back-end e l’upselling per farli comprare di nuovo:

  • Offri prodotti che completano il loro acquisto originale.
  • Invia buoni fedeltà elettronici che possono riscattare alla loro prossima visita.
  • Offri prodotti correlati nella pagina “Grazie” dopo l’acquisto.

Premia i tuoi clienti per la loro lealtà e diventeranno ancora più fedeli. Come fare business online

Libro correlato: nessuna guida BS ai massimi riferimenti e alla fidelizzazione dei clienti di Dan S. Kennedy e Shaun Buck Come fare business online

Internet cambia così velocemente che un anno online equivale a circa cinque anni nel mondo reale. Ma i principi su come avviare e far crescere un business online di successo non sono cambiati affatto. Se hai appena avviato una piccola impresa online, segui questa sequenza. Se sei stato online per un po ‘, fai una rapida revisione e vedi se c’è un passo che stai trascurando o che non hai mai fatto prima. Non puoi sbagliare con le basi. Come fare business online

 

Contattaci subito

Contattaci subito per un preventivo

6 + 7 =

Open Office come scaricare la suite completa

Open Office come scaricare la suite completa

Come usufruire di una suite gratuita per i file con le estensioni di Microsoft Office? Con Apache Open Office risolvi il problema

Spesso ci capita di voler utilizzare Microsoft Office oltre la scadenza del periodo di prova ma veniamo seriamente scoraggiati dai costi di abbonamento. Con il download di Open Office possiamo ovviare al problema riuscendo a leggere tutti i file del pacchetto office di Windows con programmi simili e molto intuitivi ( https://it.wikipedia.org/wiki/Apache_OpenOffice ).OpenOffice è una suite per ufficio completa, rilasciata con una licenza libera e Open Source che ne consente la distribuzione gratuita. Puoi leggere e scrivere file nei formati utilizzati dai prodotti più diffusi sul mercato e, a garanzia della futura accessibilità dei dati, nel formato open document, standard ISO. Nel pacchetto troverai anche la funzionalità di esportazione in formato PDF.

Negli anni si sono succedute varie versioni e adesso siamo arrivati alla edizione 4.1.6, scaricabile gratuitamente online.

Come installare Open Office

Una volta entrati sul browser e cercato “Apache Open Office / download gratis” la strada non è lunga per arrivare ad avere il pacchetto sul nostro PC. Al passo successivo vi verrà chiesto se scegliere di scaricare tramite Facebook o Google, e il nostro consiglio, che è sempre la soluzione migliore per la tutela dei dati, è di scegliere “download alternativo”. Così anonimamente potrete accedere al download dei file. Una volta scaricato l’installer basta fare doppio click e procedere avanti nell’istallazione. Più avanti dovrete semplicemente scegliere un nome utente e proseguire nella scelta fra istallazione o istallazione personalizzata (potete scegliere se installare solo dei singoli componenti). Le impostazioni possono essere modificate anche in seguito. Considerato che i programmi sono assolutamente fluidi e versatili, non appesantiscono i computer di recente produzione, potete quindi installare il pacchetto completo con le guide per poter scoprire meglio tutte le funzionalità.

Requisiti di sitema | Open Office

Ideale sia per un contesto privato che in azienda non ha particolari requisiti di sistema:

  • Windows XP, Windows 2003, Windows Vista, Windows 7, Windows 8, Windows 10
  • 1 GB di RAM (consigliato)
  • 650 Mb di spazio per installare i programmi su disco.
  • Risoluzione video di 1024 x 768 o superiore con almeno 256 colori.

Contattaci subito per un preventivo

1 + 15 =

Landing page efficace, come crearla

Landing page efficace, come crearla

Creare una landing page efficace: strategie, consigli, ottimizzazione.

Per creare una landing page efficace dobbiamo innanzitutto avere chiaro che cos’è.

Le “pagine di atterraggio” traducendo letteralmente non sono sezioni del tuo sito ma sono in realtà delle pagine più semplici e prive di distrazioni con al loro interno dei contenuti specifici.

In pratica sono uno strumento per canalizzare i visitatori che vengono da Google (solitamente AdWords), da Facebook o da campagne di e-mail marketing, e si pongono l’obiettivo della trasformazione dei contatti in lead (lead generation).

Con il termine lead, si definisce un potenziale cliente interessato ad un prodotto/servizio offerto da un brand col quale entra in contatto. Facendo lasciare dei dati attraverso la compilazione di un form, l’iscrizione ad una newsletter, la partecipazione ad un contest ecc… si ottengono contatti da trasformare poi in clienti con una vendita finale. Tutto questo è al centro di una strategia di inbound marketing https://www.nardoniweb.com/inbound-marketing-e-landing-page/.

La landing page efficace

La generazione di lead infatti si ha solo con il giusto approccio al visitatore/potenziale cliente. Non si può prescindere dunque da una corretta costruzione della landing page attraverso alcuni punti focali.

landing page efficace

  • Crea un titolo attraente. L’appeal di una landing page parte dalla capacità di attrarre attenzione con un titolo vincente e ben orientato verso il tuo potenziale target.
  • Usa un sottotitolo per introdurre l’argomento di cui intendi parlare nella pagina.
  • Usa testi brevi e incisivi coerenti con titolo e sottotitolo.
  • Credibilità. Quando ci approcciamo da clienti a un qualsiasi prodotto/servizio ci accertiamo sempre dell’affidabilità di chi ce lo propone. Non mancare di risultare autorevole in modo da suscitare interesse in chi ti ha cercato. Inserisci dunque anche certificazioni che attestano la serietà dell’azienda o della persona che sta dietro al prodotto/servizio.
  • Inserisci i dati aziendali. La trasparenza è alla base della fiducia.
  • Suscita emozioni e senso di appartenenza con un testo coinvolgente e non “freddo”. Tutti vogliono migliorare la propria vita e saper indicare come farlo ti pone in una posizione di forza rispetto a chi legge.
  • Pagina responsive. La landing page per essere efficace al 100% deve essere responsive e quindi ben leggibile da qualsiasi tipo di dispositivo.

Ottimizzazione

Ottimizza e testa la prima bozza di landing page. Non dimenticarti di continuare il lavoro analizzando i dati di chi ti segue. L’ottimizzazione chiede un pò di tempo, sia dal punto grafico, che del testo. Una volta capito bene anche il profilo dei tuoi visitatori puoi targettizare al meglio il messaggio contenuto nella pagina.

 

Contattaci subito per un preventivo

9 + 10 =

Call Now Button
Open chat