fbpx
Sito web per hotel Firenze: crearlo e gestirlo

Sito web per hotel Firenze: crearlo e gestirlo

Sito web per hotel  Firenze | gestione sito web hotel Firenze

Sei nella culla del Rinascimento. Una delle mete must-visit mondiali con un fatturato per le aziende del settore florido e anticiclico anche nei momenti di crisi economica. L’importanza di sfruttare il web per chi ha l’onore e la fortuna di rappresentare questa città nel mondo a livello di accoglienza cresce di anno in anno, anzi giorno in giorno. Dalla miriadi di startup di servizi nel microricettivo alla differenziazione dell’offerta camere in struttura da parte dei grandi alberghi (che spesso prevede anche la soluzione più trendy dell’alloggio in appartamento), il settore nella nostra città è sempre in evoluzione. Un sito web per hotel Firenze efficace terrà conto delle caratteristiche della tua struttura e dell’utenza turistica della città e dei suoi dintorni.

Essere visibili sul web è una cosa importante quanto ammodernare continuamente la tua struttura (sia dal punto di vista della gestione che del rinnovamento dei suoi interni). Una giusta attenzione al mondo online infatti, se abbinata alla qualità del soggiorno offerto agli ospiti può portare a tassi di occupazione con percentuali molto alte, anche oltre l’80% (http://www.abouthotel.it/notizie/4499/a-firenze-roma-occupazione-camere-superiore-all80). In alta stagione? Non solo! Anche durante l’arco dell’anno!

sito web per hotel firenze

Impariamo a stare sul web | sito web per hotel firenze

Ecco le linee guida per un sito web per hotel Firenze

https://www.nardoniweb.com/creare-un-sito-web-per-hotel/

di seguito invece sottolineiamo l’importanza della digital strategy nel turismo

https://www.nardoniweb.com/il-digital-marketing-per-le-strutture-ricettive/

Vista l’importanza del “mezzo di conversione in prenotazione”, il sito web, e della sua “promozione per la conversione in prenotazione”, il digital marketing, possiamo andare ad analizzare con un preventivo l’attuazione del piano web necessario a sbarcare sul web in maniera vincente.

Se stai leggendo questo articolo molto probabilmente hai una piccola o media struttura ricettiva e vorrai essere al pari con i grandi, o semplicemente vorrai migliorare sotto i molteplici aspetti della comunicazione nel settore turistico. Sebbene le linee guida siano valide per tutti, Nardoniweb seguirà la tua attività per:

  • essere visibili sul web (sito web, social, seo, campagne pubblicitarie ad hoc sul web)
  • differenziarsi dalla concorrenza
  • evitare dispersione degli utenti sul sito web
  • non perdere i visitatori da device mobili con un sito responsive
  • disintermediare dalle Ota e avere più prenotazioni dirette

Gestione sito web hotel Firenze

Per quanto riguarda la gestione, la staticità non paga, che sia tu in quanto gestore della struttura a seguire il processo o che affidi a noi la futura gestione del pacchetto web, il lavoro di aggiornamento dovrà essere costante. Le attività principali di gestione concernono:

  • creazione contenuti ad hoc per sito web e social
  • indicazioni sulla gestione dei commenti e feedback su social e siti di recensioni
  • aggiornamento delle offerte del periodo
  • indicazioni su come arrivare in struttura senza sorprese e problemi
  • miglioramento del form di prenotazione online per disintermediare meglio dalle Ota
  • analisi del target di potenziali clienti e retargeting successivo
  • consigli e script per la gestione della corrispondenza web: email e remarketing

Per affiancarti in questo percorso ti affideremo non solo ad esperti del settore web ma anche a consulenti in materia di gestione in ambito alberghiero/ricettivo (anche per agriturismi e piccoli b&b). L’esperienza sul campo, e nello specifico nell’area fiorentina con le sue caratteristiche, sono un plus importante che offriamo al cliente per elaborare un piano preciso di sviluppo web.

Una delle città più belle del mondo e una regione piena di risorse come la Toscana sono un patrimonio che valorizza già la tua struttura oggi, per questo è importante sfruttare al meglio la tua posizione sul mercato turistico con i giusti interventi online!

Contattaci per sapere di più…

Contattaci subito per un preventivo

15 + 2 =

Costo per un sito responsive con esempi pratici

Costo per un sito responsive con esempi pratici

Costo per un sito responsive. Accedi al vasto pubblico dei device mobili

Le web agency sono sempre più alle prese con lo “svecchiamento” di siti obsoleti per renderli appetibili ai device mobili quali tablet e cellulari. Non tutti però sono al corrente del rischio del non far niente a riguardo. Le connessioni da pc diminuiscono di giorno in giorno e con loro i clienti che una volta venivano traghettati verso la tua azienda. Quindi il costo per un sito responsive è facile da calcolare.

Prendiamo un preventivo per un sito responsive e paragoniamolo al risultato di un sito obsoleto e non aggiornato nel 2018. Il risultato? Sicuramente costa meno stare al passo coi tempi che non fare niente.

Premesso che con l’avvento di WordPress (https://it.wikipedia.org/wiki/WordPress) è diventato molto più economico stare sul web rispetto a 10 anni fa non possiamo evitare di indicare una cifra di riferimento per avere un buon sito responsive. Non ci crederai ma servono al massimo 1000 euro ai giorni nostri per sbaragliare la concorrenza che non si adatta ai tempi che corrono.

Garanzia di visibilità | preventivo per un sito responsive

Sebbene infatti l’ottimizzazione del sito internet per device mobili non sia da sola garanzia di successo è ormai sinonimo di garanzia di visibilità. Infatti con un sito responsive potrai comunicare meglio e ad una vasta pletora di utenti in tempo reale. I costi sostenuti dunque ti consentiranno di mantenere alta l’attenzione verso il tuo sito e andranno ad incidere fortemente sulla reputazione della tua azienda.

Nardoniweb si occupa da tempo di fornire servizi web di qualità per grandi e piccole aziende, sicuramente potrai capire l’importanza del sostenere il costo di un sito responsive anche leggendo i seguenti articoli:

https://www.nardoniweb.com/brand-reputation-per-piccole-aziende/

https://www.nardoniweb.com/category/brand-reputation/

Costi per un sito web responsive | conclusioni pratiche

Visualizzare un sito web costruito per computer fisso sullo schermo di uno smartphone è un’esperienza molto fastidiosa quanto frequente. Cosa pensi di un albergo che non riesce a darti le informazioni necessarie tramite il suo sito mentre sei in viaggio? Un ristorante con un sito obsoleto ti garantisce la stessa probabilità di fare bella figura col partner di uno con un sito visualizzabile dal tuo telefono?

Questi sono solo esempi di come potrai recuperare l’investimento iniziale con un sito reattivo e orientato verso il cliente, che è sempre più un utente mobile. Anche per le attività più classiche come ad esempio un sito immobiliare, la responsiveness diventa fondamentale. Basti pensare a quanto un vecchio sito desktop sia spiacevole da visitare da smartphone se si devono vedere le foto di un appartamento…molto probabilmente ci finiremo gli occhi (e la pazienza) cercando di zoomare le foto per vederle alla grandezza giusta.

Avere un sto web non responsive comporta sempre spiacevoli situazioni. Per evitare questi inconvenienti e capirne di più puoi contattarci.

Contattaci subito per un preventivo

6 + 8 =

Website for hotel – tips for success

Website for hotel – tips for success

CREATING A SUCCESSFUL WEBSITE FOR HOTEL IS THE FIRST STEP TO INCREASE RESERVATIONS

Among all existing digital strategies for promoting your accomodation activity we will mention some examples and tricks concerning the hotel website. In the hotel daily life the question is…How can I increase room occupancy?

Let’s avoid to mention the endless quibbles of hospitality management…here are some clear ideas about how to be succesful on the web.

Whether you have a small or large hotel, the web will always be the preferred booking channel.

website for hotel

Here’s how to create an efficient website (without giving up selling rooms on the various booking channels)

Firts, focus on disintermediation. You will have more profits and happy customers that will take advantage of affordable rates. Booking.com is a nice window to the world of potential customers but it’s nice to be able to make it by saving expensive fees.

  • Diversify the offer with unique packages and discounts only bookable from your hotel’s website. Create a practical and engaging booking form on the home page
  • SEO. Google’s algorithm is constantly evolving. The SEO optimization of website for hotel must therefore be constant.
  • Update your site content and create a blog where you can write articles in order to attract visitors to your page.
  • Adopt best quality web design with realistic and high definition pictures. Customers want a pleasant experience during the stay and good pictures help direct reservations.
  • Mobile optimization. Reservations from mobile devices are constantly increasing, don’t forget to be ready to get them too!

These steps are only part of your hotel’s digital marketing plan, but they are at the heart of it. As a matter of fact any kind of choice redirects to your hotel’s official website.

Contact us for information on how to create the ideal website for your hotel.

You can also have a look at this https://www.nardoniweb.com/il-digital-marketing-per-le-strutture-ricettive

Contattaci subito per un preventivo

13 + 12 =

Il cellulare? È una parte del corpo umano

Il cellulare? È una parte del corpo umano

Il cellulare? È una parte del corpo umano

Ebbene si. Il cellulare è una parte del corpo umano.

Questa è un’affermazione della Corte Suprema USA di ormai 4 anni fa. Come ben si sa, nell’ambiente informatico 4 anni possono rappresentare l’inizio e la fine di vere e proprie ere geologiche quanto a sviluppi tecnologici. Tuttavia, questa affermazione rimane di estrema attualità anche oggi e non sembra che la tendenza per il futuro vada in senso contrario. Infatti, quando giriamo per strada e incrociamo i passanti, molto spesso vediamo persone al cellulare. E per di più questa “dipendenza” dal cellulare non segue, come qualcuno sostiene, un range di età. Sia i giovani che i meno giovani sono succubi volenti o nolenti di questa nuova “droga”.

Gli innumerevoli benefici dell’uso del cellulare:

  1. la sensazione di non essere mai soli, permettendoci di ritrovare amici lontani o di mantenere i rapporti con quelli più vicini.
  2. La possibilità di essere reperibili a qualunque ora della giornata. 
  3. Avere qualunque genere di conoscenza sempre a portata di mano. richiedendo come unico requisito una connessione alla rete.
  4. Intrattenerci con qualsivoglia gioco.
  5. Farci risparmiare tempo dandoci modo di effettuare acquisti online senza dover uscire di casa e vedendoci la merce direttamente recapitata a casa nostra.
  6. Scattare foto e registrare video in qualsiasi momento e luogo ci troviamo.
  7. ecc…

Ecco spiegata l’affermazione della Corte Suprema. Ormai in queste “piccole scatole”, c’è tutta la nostra vita, e il separarcene anche solo per pochi minuti, può talvolta creare forti sensazioni di ansia. Quasi come se ci fosse amputato un braccio o una gamba.

Il giudice John Roberts

Su questa tematica John Roberts ha dichiarato che la polizia se ha intenzione di controllare un cellulare, è obbligato prima ad ottenere un mandato. Ciò a sottolineare l’importanza che il telefonino riveste per chiunque. Da una parte è un dispositivo che racchiude informazioni su ogni persona. Dall’altra, strumento che apre le porte al mondo esterno.

Conclusioni

Come ha detto lo stesso Stefano Rodotà, oggi il cellulare si vede attribuire delle qualità che sono proprie delle persone come il diritto all’integrità e alla riservatezza. Perciò, se fosse perquisito un cellulare senza autorizzazione, sarebbe come perquisire una persona senza autorizzazione da parte del giudice competente.

Contattaci subito per un preventivo

3 + 11 =

Costo per un sito responsive con esempi pratici

Costo per un sito responsive con esempi pratici

Costo per un sito responsive. Accedi al vasto pubblico dei device mobili

Le web agency sono sempre più alle prese con lo “svecchiamento” di siti obsoleti per renderli appetibili ai device mobili quali tablet e cellulari. Non tutti però sono al corrente del rischio del non far niente a riguardo. Le connessioni da pc diminuiscono di giorno in giorno e con loro i clienti che una volta venivano traghettati verso la tua azienda. Quindi il costo per un sito responsive è facile da calcolare.

Prendiamo un preventivo per un sito responsive e paragoniamolo al risultato di un sito obsoleto e non aggiornato nel 2018. Il risultato? Sicuramente costa meno stare al passo coi tempi che non fare niente.

Premesso che con l’avvento di WordPress (https://it.wikipedia.org/wiki/WordPress) è diventato molto più economico stare sul web rispetto a 10 anni fa non possiamo evitare di indicare una cifra di riferimento per avere un buon sito responsive. Non ci crederai ma servono al massimo 1000 euro ai giorni nostri per sbaragliare la concorrenza che non si adatta ai tempi che corrono.

Garanzia di visibilità | preventivo per un sito responsive

Sebbene infatti l’ottimizzazione del sito internet per device mobili non sia da sola garanzia di successo è ormai sinonimo di garanzia di visibilità. Infatti con un sito responsive potrai comunicare meglio e ad una vasta pletora di utenti in tempo reale. I costi sostenuti dunque ti consentiranno di mantenere alta l’attenzione verso il tuo sito e andranno ad incidere fortemente sulla reputazione della tua azienda.

Nardoniweb si occupa da tempo di fornire servizi web di qualità per grandi e piccole aziende, sicuramente potrai capire l’importanza del sostenere il costo di un sito responsive anche leggendo i seguenti articoli:

https://www.nardoniweb.com/brand-reputation-per-piccole-aziende/

https://www.nardoniweb.com/category/brand-reputation/

Costi per un sito web responsive | conclusioni pratiche

Visualizzare un sito web costruito per computer fisso sullo schermo di uno smartphone è un’esperienza molto fastidiosa quanto frequente. Cosa pensi di un albergo che non riesce a darti le informazioni necessarie tramite il suo sito mentre sei in viaggio? Un ristorante con un sito obsoleto ti garantisce la stessa probabilità di fare bella figura col partner di uno con un sito visualizzabile dal tuo telefono?

Questi sono solo esempi di come potrai recuperare l’investimento iniziale con un sito reattivo e orientato verso il cliente, che è sempre più un utente mobile. Anche per le attività più classiche come ad esempio un sito immobiliare, la responsiveness diventa fondamentale. Basti pensare a quanto un vecchio sito desktop sia spiacevole da visitare da smartphone se si devono vedere le foto di un appartamento…molto probabilmente ci finiremo gli occhi (e la pazienza) cercando di zoomare le foto per vederle alla grandezza giusta.

Avere un sto web non responsive comporta sempre spiacevoli situazioni. Per evitare questi inconvenienti e capirne di più puoi contattarci.

Contattaci subito per un preventivo

9 + 14 =

I diritti nell’era di internet

I diritti nell’era di internet

I diritti nell’era di internet

La nascita del termine “Internet” risale al 1982. A partire da quella data fino ad arrivare ai giorni nostri, internet e le tecnologie informatiche si sono sviluppate sempre di più.  Connessa a questo sviluppo, si è posta con gli anni la domanda se fosse o no necessaria una regolazione dei diritti nella dimensione virtuale. La risposta data a questo interrogativo in un primo momento è andata in una direzione, e poi è stata smentita e ribaltata negli anni a seguire. Un altro interrogativo si riferiva invece alla necessità o meno di creare nuovi diritti per il mondo informatico oppure no. Tutto ciò, lo vedremo nei prossimi paragrafi di questo articolo intitolato: “I diritti nell’era di internet”.

Internet richiede regole?

Regolazione vs autoregolazione

L’affermazione “internet richiede regole”, fino a pochi anni fa era vista più come un interrogativo, e andando un po’ più a ritroso nel tempo, costituiva una vera e propria negazione. Ai suoi albori, internet veniva infatti visto come uno spazio privo di regole. Vi era una vera e propria riluttanza verso una qualsiasi forma di regolamentazione. Il motivo di tale avversione, risiedeva nella paura che in qualche modo la portata dei diritti ne risultasse in qualche modo sconfitta. Ciò a causa del rischio di una loro delimitazione eccessiva. La visione di internet come “il più grande esperimento di anarchia” (così come definito da E. Schmidt) della storia, caratterizzata (come sostenuto nel 1996 da John Perry Barlow all’interno della sua Dichiarazione d’indipendenza del cyberspazio) dall’autoregolazione e dall’assenza di un sovrano, non è più attuale. In Internet non troviamo più come ha detto G. De Minico, un “heaven of the self-regulation“.

Questo approccio ad Internet però, ha preso vigore solo negli ultimi anni. Infatti, solo nel 2010 ci si poneva la domanda – come sottolineato da G. Camera e O. Pollicino – se fosse possibile prevedere delle regole in grado di governare la Rete, e se si, in concreto chi avrebbe dovuto adottare tali regole. Oggi, nel 2018, non ci poniamo più questa domanda. All’opposto, abbiamo la consapevolezza che internet necessiti di specifiche regole, che circoscrivano cosa si possa fare e cosa no nella dimensione virtuale.

È necessario creare nuovi diritti?

Carlo Blengino ha detto che:

non è necessario creare nuovi diritti, ma rivedere e aggiornare ai tempi del web quelli già tutelati nella vita di tutti i giorni.

Senz’altro, aggiornare i diritti già esistenti per renderli efficaci anche nella dimensione informatica, è importante, e infatti così è successo per molti diritti. Basti pensare al diritto alla privacy, che è stato proprio di recente protagonista di innumerevoli cambiamenti con l’avvento del GDPR. Ma è altrettanto vero, come diceva Norberto Bobbio, che:

l’attuazione di una maggiore protezione dei diritti dell’uomo è connessa con lo sviluppo della civiltà umana.

Contestualizzando questa affermazione di Bobbio all’interno della nostra tematica, per “sviluppo” potremmo intendere anche quello tecnologico e informatico.

Rovesciando quindi la frase, si potrebbe dire che lo sviluppo tecnologico e quello informatico richiedano una maggiore protezione dei diritti. E maggiore protezione vuol dire, non solo aggiornare diritti già esistenti, ma anche creare nuovi diritti necessari a tutelare esigenze inesistenti prima dell’avvento di internet.

 

Contattaci subito per un preventivo

12 + 9 =

Call Now Button
Open chat