fbpx
YouTube marketing per promuovere un’azienda

YouTube marketing per promuovere un’azienda

Vuoi un metodo per la promozione aziendale diretto e affascinante? Lo YouTube marketing è sicuramente uno dei metodi migliori

Spesso chi ha un’azienda si finisce gli occhi a leggere dati, numeri e trends del mercato online al fine di escogitare la miglior strategia web. Promuovere la propria azienda come ben sai è un lavoro, e come tale è importante far sì che sia fruttuoso. Un’arma che spesso non viene sfruttata anche da chi ha siti web efficienti è proprio la promozione tramite video (YouTube marketing). Un metodo per differenziarsi dalla concorrenza veramente efficace.

Perchè YouTube?

YouTube è ormai entrato nella quotidianità delle persone. Promuovere la propria azienda su questa piattaforma significa produrre video da caricare online (assicurati di avere una connessione adsl/dati efficiente per l’upload). I video, raccolti dal tuo canale vanno pubblicati con una certa regolarità per creare un tuo pubblico di followers, esattamente con lo stesso processo di content marketing (https://it.wikipedia.org/wiki/Content_marketing) che utilizziamo ad esempio per l’account Instagram o la pagina Facebook.

Linee guida video YouTube per promuovere la tua azienda

Oltre a creare un contenuto con immagini di qualità, magari mettendoci la faccia (facendo fare il video al responsabile aziendale ad esempio), scegliamo un messaggio vincente da veicolare che sia basato sull’identità della nostra azienda. Apparire con le idee chiare dal primo video e dare l’idea al pubblico di come potranno essere i video pubblicati in futuro aiuta la brand reputation (https://www.nardoniweb.com/come-aumentare-la-brand-reputation/)

Ecco le linee guida da seguire per i tuoi video | youtube marketing

  • Titoli avvincenti.
  • Titoli brevi.
  • Dire ai lettori perché vedere il video. Catturare l’attenzione è importante, motivate i vostri visitatori a mantenere la concentrazione e a vedere il contenuto video.
  • Creare delle anteprime (thumbnails) che catturino l’attenzione. Si vedono anche tecniche estreme sotto questo punto di vista come la creazione di fotomontaggi ad hoc. Rendete semplicemente la thumbnail coerente col contenuto e accattivante per il tipo di messaggio dato nel video.
  • Limitare la durata dei video e renderli briosi. Consigliabile mantenerli sotto la durata dei quattro minuti per mantenere l’attenzione alta. Usare tecniche di montaggio veloce e brevi break sonori con dei piccoli “siparietti” sono tecniche spesso usate per mantenere costante l’attenzione di chi visualizza.
  • Includere una call to action. Con un link in descrizione o in sovrimpressione reindirizziamo l’utente verso le nostre pagine di vendita o sito web ecc…
  • Condividi i video sul tuo sito web e sui social media

 

youtube

YouTube marketing

Se sei convinto che questa sia la strada più accattivante per farti notare sul web contattaci per saperne di più o per farci delle domande…

Contattaci subito per un preventivo

11 + 10 =

Costo per un sito responsive con esempi pratici

Costo per un sito responsive con esempi pratici

Costo per un sito responsive. Accedi al vasto pubblico dei device mobili

Le web agency sono sempre più alle prese con lo “svecchiamento” di siti obsoleti per renderli appetibili ai device mobili quali tablet e cellulari. Non tutti però sono al corrente del rischio del non far niente a riguardo. Le connessioni da pc diminuiscono di giorno in giorno e con loro i clienti che una volta venivano traghettati verso la tua azienda. Quindi il costo per un sito responsive è facile da calcolare.

Prendiamo un preventivo per un sito responsive e paragoniamolo al risultato di un sito obsoleto e non aggiornato nel 2018. Il risultato? Sicuramente costa meno stare al passo coi tempi che non fare niente.

Premesso che con l’avvento di WordPress (https://it.wikipedia.org/wiki/WordPress) è diventato molto più economico stare sul web rispetto a 10 anni fa non possiamo evitare di indicare una cifra di riferimento per avere un buon sito responsive. Non ci crederai ma servono al massimo 1000 euro ai giorni nostri per sbaragliare la concorrenza che non si adatta ai tempi che corrono.

Garanzia di visibilità | preventivo per un sito responsive

Sebbene infatti l’ottimizzazione del sito internet per device mobili non sia da sola garanzia di successo è ormai sinonimo di garanzia di visibilità. Infatti con un sito responsive potrai comunicare meglio e ad una vasta pletora di utenti in tempo reale. I costi sostenuti dunque ti consentiranno di mantenere alta l’attenzione verso il tuo sito e andranno ad incidere fortemente sulla reputazione della tua azienda.

Nardoniweb si occupa da tempo di fornire servizi web di qualità per grandi e piccole aziende, sicuramente potrai capire l’importanza del sostenere il costo di un sito responsive anche leggendo i seguenti articoli:

https://www.nardoniweb.com/brand-reputation-per-piccole-aziende/

https://www.nardoniweb.com/category/brand-reputation/

Costi per un sito web responsive | conclusioni pratiche

Visualizzare un sito web costruito per computer fisso sullo schermo di uno smartphone è un’esperienza molto fastidiosa quanto frequente. Cosa pensi di un albergo che non riesce a darti le informazioni necessarie tramite il suo sito mentre sei in viaggio? Un ristorante con un sito obsoleto ti garantisce la stessa probabilità di fare bella figura col partner di uno con un sito visualizzabile dal tuo telefono?

Questi sono solo esempi di come potrai recuperare l’investimento iniziale con un sito reattivo e orientato verso il cliente, che è sempre più un utente mobile. Anche per le attività più classiche come ad esempio un sito immobiliare, la responsiveness diventa fondamentale. Basti pensare a quanto un vecchio sito desktop sia spiacevole da visitare da smartphone se si devono vedere le foto di un appartamento…molto probabilmente ci finiremo gli occhi (e la pazienza) cercando di zoomare le foto per vederle alla grandezza giusta.

Avere un sto web non responsive comporta sempre spiacevoli situazioni. Per evitare questi inconvenienti e capirne di più puoi contattarci.

Contattaci subito per un preventivo

7 + 11 =

Woo commerce: l’abc del plugin WordPress per e-commerce

Woo commerce: l’abc del plugin WordPress per e-commerce

Trasformare un sito Web WordPress in un negozio di e-commerce efficace, semplice e potente, partendo dall’abc con woo commerce.

WordPress è un ottimo strumento di lavoro sul web ed offre molte possibilità. Grazie a questo plugin possiamo sfruttarle al meglio, in particolare in ambito e-commerce. La creazione di un sito web di e-commerce può essere un viaggio molto difficile. Grazie alla community di WordPress abbiamo a disposizione dei plugin incredibili come woo commerce (https://it.wordpress.org/plugins/woocommerce/)che possono aiutarci a raggiungere l’obiettivo partendo dall’abc.

Nota bene, il marchio è registrato così: “WooCommerce”. Qui chiamato woo commerce per semplificare, con parole staccate.

woo commerce

Perché Woo commerce?

Innanzituto è gratuito. Basta installarlo e usarlo gratuitamente. Molto semplice. L’estensione è infatti totalmente open source.

Lo scopo principale di questo plugion è vendere prodotti. La sezione prodotti è il posto dove trascorrerai la maggior parte del tuo tempo a gestire il tuo negozio.

Come funziona il sistema di Woo commerce?

Il sistema di carrello woo commerce funziona come tutti gli altri negozi di e-commerce. Basta aggiungere il prodotto al carrello, passare alla pagina di checkout, compilare il modulo, inviare l’ordine e il gioco è fatto.
Gli ordini vengono creati quando un cliente completa la procedura di checkout e sono visibili solo agli utenti Admin e Shop Manager.

Per gestire gli ordini in woo commerce hai una pagina di gestione con una tabella che ti fornisce informazioni su ogni singolo ordine. Potrai monitorare così lo stato dell’ordine, ID ordine, ora, prezzo ecc…

Oltre a gestire gli ordini è possibile creare report e sfruttare tantissimi tools per il controllo dell’andamento della tua attività online in tempo reale.

Quanto è difficile impostare woo commerce?

Possiamo affermare che il plugin non è difficile da impostare, semplicemente richiede quel periodo di rodaggio per imparare al meglio la gestione del plugin.

I passaggi principali sono:

  • Installare WordPress. Puoi trovare molti tutorial su questo argomento. Cerca su Google e troverai tutto ciò di cui hai bisogno.
  • Scaricare e installare il plugin WooCommerce. Nell’area di amministrazione vai su Plugin> Aggiungi nuovo> Quindi cerca WooCommerce nell’angolo in alto a destra e procedi all’installazione
  • Impostazioni generali di WooCommerce. Dopo aver installato il plugin, sei pronto per configurarlo correttamente. Nell’area di amministrazione vai nella sezione “impostazioni”.

Il gioco è dunque fatto, provare per credere, e possiamo iniziare ad inserire e vendere online i nostri prodotti.

 

Contattaci subito per un preventivo

14 + 14 =

Come gestire un blog aziendale

Come gestire un blog aziendale

Come fare per rendere fruttuoso il tuo blog aziendale? Ecco alcune linee guida

Ti sei mai chiesto come fa la concorrenza ad essere più visibile online? Spesso c’è un trucco che si cela fra le sezioni di un sito web azendale. Stiamo parlando della sezione blog. Il blog aziendale infatti può aiutare davvero la tua azienda a crescere. Spieghiamo alcuni accorgimenti, validi per il fai da te e che sono la base del lavoro anche per chi si occupa di web content di professione.

Gli aspetti irrinunciabili per un blog aziendale di successo

Partiamo dall’aspetto. L’abito non farà il monaco, ma specialmente online dice molto su chi siamo. Diciamo che senza andare ad esagerare con vesti grafiche all’avanguardia avere un sito “pulito e funzionale” è la base per promuovere la tua azienda online. Le regole base per l’aspetto del sito e del blog ad esso collegato sono:

  • Funzionalità
  • Versatilità con ottimizzazione per tablet e cellulari
  • Veste grafica coerente con la mission della nostra azienda. Ad esempio… usare colori accesi va bene per un negozio di fiori, non per un negozio di gioielli, il colore nero e oro va bene se siete una boutique di moda ma non altrettanto se siete un centro medico di riabilitazione ecc…

Bene, siamo al punto in cui già molti di voi sicuramente sono arrivati, cosa manca?

Beh la veste grafica dà un’idea professionale e rispetta il “carattere” del nostro brand, ma un blog è fatto di contenuti scritti.

I contenuti scritti del blog aziendale

Scegliamo chi scrive dunque. L’ideale è avere un professionista esterno che in base ai vostri input crea contenuti basati sulle tecniche di promozione online (in primis la SEO https://www.nardoniweb.com/local-seo-cose-e-come-funziona/). Se volete invece cimentarvi dovrete comunque rispettare quello che viene chiesto ad un professionista del web content:

  • Professionalità con contenuti credibili e resi “autorevoli” da link esterni o dalle (ove presenti) certificazioni di qualità della tua azienda
  • Essere formali a sufficienza per risultare seri ma anche informali al punto giusto per mantenere uno stile di scrittura “empatico”.
  • Gentilezza. Un blog è fatto per interagire con gli utenti e per questo è fondamentale mantenere un buon rapporto nei commenti con chi interagisce.
  • Entrare in contatto con la clientela. Che sia la richiesta di informazioni via mail, o una promozione che invece volete spedire voi a chi segue il vostro blog, la raccolta dati è fondamentale. Per questo tramite varie tecniche di interazione tipiche di chi si occupa di web marketing andremo a “dialogare” con chi ci segue.
  • Gestione dei commenti negativi. Recuperare un commento negativo senza censura è un’arte difficile ma fondamentale. Farà sentire chi ti scrive non abbandonato e darà l’impressione giusta, ovvero che hai cura della tua attività e di cosa pensano i tuoi clienti, gestendo il tutto con la massima cortesia.

L’importanza di avere un blog aziendale

Ricorda che un blog attivo porta già di per sè traffico al tuo sito e alla tua attività, perchè Google penalizza i siti stagnanti. Vale la pena di non avere un blog collegato al tuo sito web? Sicuramente ci siamo già fatti un’idea di quale può essere la risposta!

Se vuoi saperne di più, chiedi informazioni a Nardoniweb con il form sottostante…

Contattaci subito per un preventivo

6 + 5 =

Costo per un sito responsive con esempi pratici

Costo per un sito responsive con esempi pratici

Costo per un sito responsive. Accedi al vasto pubblico dei device mobili

Le web agency sono sempre più alle prese con lo “svecchiamento” di siti obsoleti per renderli appetibili ai device mobili quali tablet e cellulari. Non tutti però sono al corrente del rischio del non far niente a riguardo. Le connessioni da pc diminuiscono di giorno in giorno e con loro i clienti che una volta venivano traghettati verso la tua azienda. Quindi il costo per un sito responsive è facile da calcolare.

Prendiamo un preventivo per un sito responsive e paragoniamolo al risultato di un sito obsoleto e non aggiornato nel 2018. Il risultato? Sicuramente costa meno stare al passo coi tempi che non fare niente.

Premesso che con l’avvento di WordPress (https://it.wikipedia.org/wiki/WordPress) è diventato molto più economico stare sul web rispetto a 10 anni fa non possiamo evitare di indicare una cifra di riferimento per avere un buon sito responsive. Non ci crederai ma servono al massimo 1000 euro ai giorni nostri per sbaragliare la concorrenza che non si adatta ai tempi che corrono.

Garanzia di visibilità | preventivo per un sito responsive

Sebbene infatti l’ottimizzazione del sito internet per device mobili non sia da sola garanzia di successo è ormai sinonimo di garanzia di visibilità. Infatti con un sito responsive potrai comunicare meglio e ad una vasta pletora di utenti in tempo reale. I costi sostenuti dunque ti consentiranno di mantenere alta l’attenzione verso il tuo sito e andranno ad incidere fortemente sulla reputazione della tua azienda.

Nardoniweb si occupa da tempo di fornire servizi web di qualità per grandi e piccole aziende, sicuramente potrai capire l’importanza del sostenere il costo di un sito responsive anche leggendo i seguenti articoli:

https://www.nardoniweb.com/brand-reputation-per-piccole-aziende/

https://www.nardoniweb.com/category/brand-reputation/

Costi per un sito web responsive | conclusioni pratiche

Visualizzare un sito web costruito per computer fisso sullo schermo di uno smartphone è un’esperienza molto fastidiosa quanto frequente. Cosa pensi di un albergo che non riesce a darti le informazioni necessarie tramite il suo sito mentre sei in viaggio? Un ristorante con un sito obsoleto ti garantisce la stessa probabilità di fare bella figura col partner di uno con un sito visualizzabile dal tuo telefono?

Questi sono solo esempi di come potrai recuperare l’investimento iniziale con un sito reattivo e orientato verso il cliente, che è sempre più un utente mobile. Anche per le attività più classiche come ad esempio un sito immobiliare, la responsiveness diventa fondamentale. Basti pensare a quanto un vecchio sito desktop sia spiacevole da visitare da smartphone se si devono vedere le foto di un appartamento…molto probabilmente ci finiremo gli occhi (e la pazienza) cercando di zoomare le foto per vederle alla grandezza giusta.

Avere un sto web non responsive comporta sempre spiacevoli situazioni. Per evitare questi inconvenienti e capirne di più puoi contattarci.

Contattaci subito per un preventivo

14 + 12 =

YouTube marketing per promuovere un’azienda

Come fare youtube marketing

Come fare youtube marketing

Vuoi un metodo per la promozione aziendale diretto e affascinante? YouTube marketing è sicuramente uno dei metodi migliori

Spesso chi ha un’azienda si finisce gli occhi a leggere dati, numeri e trends del mercato online al fine di escogitare la miglior strategia web. Promuovere la propria azienda come ben sai è un lavoro, e come tale è importante far sì che sia fruttuoso. Un’arma che spesso non viene sfruttata anche da chi ha siti web efficienti è proprio la promozione tramite video (YouTube marketing). Un metodo per differenziarsi dalla concorrenza veramente efficace. Come fare youtube marketing 

Perchè YouTube? Come fare youtube marketing 

YouTube è ormai entrato nella quotidianità delle persone. Promuovere la propria azienda su questa piattaforma significa produrre video da caricare online (assicurati di avere una connessione adsl/dati efficiente per l’upload). I video, raccolti dal tuo canale vanno pubblicati con una certa regolarità per creare un tuo pubblico di followers, esattamente con lo stesso processo di content marketing (https://it.wikipedia.org/wiki/Content_marketing) che utilizziamo ad esempio per l’account Instagram o la pagina Facebook.

 

Linee guida video YouTube per promuovere la tua azienda

Oltre a creare un contenuto con immagini di qualità, magari mettendoci la faccia (facendo fare il video al responsabile aziendale ad esempio), scegliamo un messaggio vincente da veicolare che sia basato sull’identità della nostra azienda. Apparire con le idee chiare dal primo video e dare l’idea al pubblico di come potranno essere i video pubblicati in futuro aiuta la brand reputation (https://www.nardoniweb.com/come-aumentare-la-brand-reputation/) Come fare youtube marketing 

Ecco le linee guida da seguire per i tuoi video | youtube marketing

  • Titoli avvincenti. in quanto
  • Titoli brevi. in quanto
  • Dire ai lettori perché vedere il video. Catturare l’attenzione è importante, motivate i vostri visitatori a mantenere la concentrazione e a vedere il contenuto video.
  • Creare delle anteprime (thumbnails) che catturino l’attenzione. Si vedono anche tecniche estreme sotto questo punto di vista come la creazione di fotomontaggi ad hoc. Rendete semplicemente la thumbnail coerente col contenuto e accattivante per il tipo di messaggio dato nel video. in quanto
  • Limitare la durata dei video e renderli briosi. Consigliabile mantenerli sotto la durata dei quattro minuti per mantenere l’attenzione alta. Usare tecniche di montaggio veloce e brevi break sonori con dei piccoli “siparietti” sono tecniche spesso usate per mantenere costante l’attenzione di chi visualizza.
  • Includere una call to action. Con un link in descrizione o in sovrimpressione reindirizziamo l’utente verso le nostre pagine di vendita o sito web ecc…
  • Condividi i video sul tuo sito web e sui social media in quanto

 

Come fare youtube marketing 

YouTube marketing

Se sei convinto che questa sia la strada più accattivante per farti notare sul web contattaci per saperne di più o per farci delle domande… Come fare youtube marketing 

Prendiamoci un caffè e troviamo la miglior soluzione per le tue esigenze… CONTATTACI ORA SENZA ALCUN IMPEGNO !

Ti ringraziamo per aver visitato il nostro sito internet. Contattaci ORA e noi ti garantiamo una risposta entro al massimo le 24 ore lavorative con le offerte per soddisfare le tue esigenze.

INVIACI UN MESSAGGIO ORA

Contattaci subito per un preventivo

7 + 8 =

Call Now Button
Open chat