fbpx
Siti web a Firenze =>siti internet a Firenze=>web agency Firenze

Siti web a Firenze =>siti internet a Firenze=>web agency Firenze

Siti web a Firenze

Da oltre 10 anni ci occupiamo della soddisfazione dei nostri clienti, realizzando siti internet di ogni difficoltà e curando il posizionamento su motori di ricerca come Google, Bing, Yahoo, ecc. Siti web a Firenze

Siti web a Firenze=>siti

la nostra passione ci porta verso la soddisfazione dei nostri clienti, perché siamo certi che al giorni d’oggi non è molto importante avere un sito internet, ma è fondamentale  vedere quante visita giornaliere ha il nostro sito internet e soprattutto quanti di questi visitatori si convertono in effettivi clienti (tasso di conversione).=>siti    siti Siti web a Firenze

Siti web a Firenze

=>siti

ma un’altro aspetto molto importante è quello di incentivare i nostri clienti a tornare all’interno della nostra attività, aumentando, in questo modo la fidelizzazione dei nostri clienti ed aumentare la spesa media per ogni singolo cliente.=>siti  siti    Siti web a Firenze

il nostro motto è: FAR GUADAGNARE I NOSTRI CLIENTI.

=>siti

siti


contattaci subito per una consulenza gratuita

Siti web a Firenze

Contattaci subito per un preventivo

13 + 9 =

LA TAVOLA PERIODICA DEI FATTORI SEO

LA TAVOLA PERIODICA DEI FATTORI SEO

LA TAVOLA PERIODICA DEI FATTORI SEO

Il 1 Giugno 2015 Search Engine Land ha pubblicato la terza edizione della Tavola Periodica dei fattori SEO di successo, la quale, secondo Danny Sullivan, ha l’obiettivo di facilitare gli editori nella focalizzazione degli elementi più importanti per fare una buona SEO.
Questa tavola non vuole essere un semplice elenco dei 200 fattori di ranking di Google più famosi, ma vuole essere una tavola in cui gli elementi principali sono disposti in base alla loro importanza, divisi in due aree:
• on-The-Page, che comprende i fattori che sono sotto il controllo degli editori,
• off-The-Page, che comprende i fattori influenzati da altri o non strettamente legati al sito dell’editore.
Dentro queste due aree, ci sono sette categorie che comprendono:
1. Content cioè fattori riferiti alla qualità dei contenuti,
2. Architecturefattori che si riferiscono alle funzionalità del sito,
3. HTML fattori delle pagine web,
4. Trust fattori che si riferiscono all’affidabilità e all’autorevolezza del sito,
5. Linkfattori che indicano il modo in cui i link impattano sul posizionamento,
6. Personalfattori che indicano come la personalizzazione dei risultati delle ricerche impatta sul ranking,
7. Social fattori relativi a come i social influiscono sul posizionamento.
Ma come si fa ad usare la Tavola Periodica dei fattori SEO?

Ogni fattore si compone di due lettere, di cui la prima rappresenta la categoria: per esempio, A sta per “architettura”, mentre la seconda lettera rappresenta l’elemento: m sta per “mobile”, che sommato ad “a” genera “Am”.

Ogni fattore ha un peso, quindi quelli considerati più importanti presentano un valore +3, seguiti da +2 e +1. Nessun fattore, preso singolarmente, può garantire il successo: i fattori, lavorando insieme, fanno aumentare le probabilità di ottenere dei buoni risultati sui motori di ricerca. Ci sono anche fattori negativi, che contribuiscono a danneggiare la visibilità del sito su Google, e tutti questi fattori presentano valori numerici negativi ed iniziano con la lettera V .
Nella Tavola Periodica del 2015 sono entrati anche tre nuovi elementi, ed altri hanno registrato una variazione di peso.

Contattaci subito per un preventivo

3 + 7 =

SEO e content marketing: cosa sono?

SEO e content marketing: cosa sono?

SEO e content marketing sono due punti cardine di ogni strategia di creazione di contenuti online. Obiettivo: riuscire ad attrarre il maggior numero di utenti verso il proprio sito o prodotto.

Prima di addentrarci nel merito dell’articolo, cerchiamo di definire cosa sono SEO e content marketing. Entrambe sono due strategie ben note a chi conosce il marketing online. Hanno aspetti in comune e differenze, ma rimangono assolutamente interdipendenti se l’obiettivo è quello di attrarre utenti ed interesse per ciò che offriamo.

Content marketing

Da una parte abbiamo il concetto di “content marketing“. Per definizione, si tratta della creazione e condivisione di contenuti volta ad attrarre utenti verso il proprio sito, attività, o prodotto. L’obiettivo di questa strategia non è tanto quello di pubblicizzare il proprio contenuto con promozioni o slogan, ma quello di avvinare un utente medio che naviga sul web verso ciò che offriamo, cercando di instaurare una vera e propria relazione con lui interessandolo e coinvolgendolo.

Come fare? Esistono professionisti in questo ambito che possono aiutarti. Qui analizziamo i punti principali:

  • creare contenuti ben strutturati, chiari e lineari, pertinenti e di qualità. Un articolo scritto in questo modo alimenta l’interesse del lettore, evitando di annoiarlo facilmente. Così facendo, sarà più probabile che si avvicini volontariamente al prodotto che offri.
  • definire il target del tuo articolo. Questo significa valutare età, sesso, stile di vita, interessi e comportamenti di acquisto del pubblico a cui vuoi destinare il tuo messaggio. Sulla base di questi dati sarà più facile creare contenuti più vicini alle richieste dei tuoi utenti.
  • scegliere i giusti canali di comunicazione e gli strumenti che hai a disposizione. Riuscire a sfruttare tutti i social (Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn) che abbiamo a disposizione può aiutare notevolmente nel raggiungimento del nostro obiettivo.
  • creare un sito e assicurarti che sia accessibile da tutti i dispositivi (pc, smartphone, tablet).

SEO: Search Engine Optimization

Una volta capito cosa intendiamo per content marketing, possiamo comprendere come la SEO sia fondamentale per il raggiungimento del nostro obiettivo: canalizzare il maggior numero di utenti verso il nostro sito, alimentando curiosità ed interesse.

SEO è l’acronimo inglese di “Search Engine Optimization” e significa ottimizzazione per i motori di ricerca. Si tratta quindi di tutto ciò che risponde alle domande: come arrivare tra i primi nei risultati dei motori di ricerca? Come aumentare le visite al proprio sito?

Per migliorare il proprio posizionamento sui motori di ricerca è utile rivolgersi ad agenzie web. In questo articolo cerchiamo di definire la SEO in relazione al content marketing. Infatti, creare contenuti chiari e di qualità è essenziale per attirare gli utenti, ma è altrettanto importante riuscire a raggiungere più persone possibili grazie al proprio posizionamento nelle ricerche web.

Per fare questo è necessario, in primo luogo, “piacere” al motore di ricerca. La maggior parte degli utenti utilizzano Google, il quale ha, come tutti gli altri motori, una propria SERP (Search engine results page), cioè la pagina dei risultati. Essere tra i primi nella pagina significa ovviamente ottenere maggiore visibilità, e quindi maggiori visite, e quindi maggiori possibilità di interessare più utenti possibili.

Vediamo quali sono le principali componenti di una buona campagna SEO per un sito web:

  • Le parole chiave, insieme ai tag, sono il primo passo per una buona ottimizzazione del sito. Sono infatti proprio queste a definire l’argomento che stai trattando
  • Tag title: è l’elemento strutturale di una pagina web a cui i motori di ricerca danno più importanza. Per ottimizzarlo è necessario limitare la sua lunghezza a 55 caratteri, inserire la parola chiave all’inizio e scrivere in modo accattivante.
  • Meta Tag Description: è l’elemento che viene visualizzato in SERP. Non influisce in modo diretto sul posizionamento, però spesso gli utenti non scelgono i primi risultati di una ricerca ma quella che con la meta descrizione soddisfa maggiormente le loro richieste. Per questo motivo, se compilata in modo corretto, può influenzare notevolmente le visualizzazioni della pagina e quindi anche il posizionamento nei risultati.
  • Marcatori Titolo: sono utilizzati per determinare una gerarchia di contenuti e rendere la lettura più accattivante. Inserisci solo un h1 per pagina; mentre i marcatori h2, h3 ecc., possono essere usati più volte.
  • Immagini: sono un elemento che attrae l’attenzione degli utenti e contestualizzano il contenuto della tua pagina. E’ importante che contenga un tag image con la parola chiave che hai scelto e che sia pertinente.
  • Link in entrata: i collegamenti generano traffico ma soprattutto conferiscono autorità. I link trasferiscono l’autorità del sito di origine a quello di destinazione.

SEO e content marketing sono interdipendenti

Appare evidente quanto il content marketing e la SEO siano in relazione tra loro. Non solo condividono lo stesso obiettivo, ma il content marketing è in grado di attrarre utenti solo con una buona SEO alle spalle.

In parole povere, se la SEO si focalizza sui criteri dei motori di ricerca, il content marketing pone l’attenzione sugli utenti, sui suoi bisogni e richieste, facendo appello proprio alla SEO.

Contattaci subito per un preventivo

12 + 14 =

Come posizionarsi su Google

Come posizionarsi su Google

Come posizionarsi su Google?

TI trovi nel posto giusto! Ti darò qualche dritta per aiutarti a posizionarti e rendere più facile questo passaggio. Ma occhio! Non si arriva in cima a Google in un batter d’occhio: richiede tempo ed impegno.

Iniziamo!

Uno dei primi passi su come posizionarsi su Google è  controllare se  il tuo sito non compare nella pagina contenente i risultati di ricerca  , così non fosse devi procedere con una segnalazione e, per farlo, devi servirti della pagina Aggiunta/Aggiornamento di un URL. Per utilizzare lo strumento in questione, collegati a questa pagina, inserisci l’URL della home page del tuo sito Web , aggiungi una breve descrizione riguardante il tuo sito e poi premi sul bottone Aggiungi URL che si trova in basso.

Ti dico inoltre che Google esamina più di 200 variabili per capire quali contenuti posizionare in cima ai risultati e quali no. Il suo obiettivo infatti è quello di dare all’utente il miglior risultato possibile e quello più pertinente alla domanda che ha posto. Quindi un fattore importantissimo se non determinante è quello di creare dei contenuti di qualità e pertinenti per il posizionamento di un sito su Google.

Si dice inoltre che bisogna ripetere decine di volte una keyword in un articolo per comparire in cima ai risultati di ricerca. Ma attenzione: non è così! Adottando questa pratica, chiamata keyword stuffing , rischia  infatti  d’essere penalizzati da Google! Proprio per questo usa la keyword nel titolo, inseriscila in modo naturale nel testo non più di 2-3 volte e punta tutto sulla qualità .

Due strumenti che possono servirti:

Creare dei contenuti di qualità è possibile. Tra gli strumenti che voglio consigliarti di utilizzare ci sono Google Trends e KeywordTool.

Trends ti permette di accedere allo storico delle ricerche fatte su Google fino ad oggi e  di sapere in tempo reale quali sono le parole chiave più cercate in un dato momento e in una data area geografica. Il secondo offre degli spunti editoriali dandoti  delle parole chiavi correlate alla keyword principale .

Allora sei pronto ad iniziare?!

nardoniweb.com/contattiCome posizionarsi su Google

Contattaci subito per un preventivo

8 + 13 =

SEO e content marketing: cosa sono?

SEO e content marketing: cosa sono?

SEO e content marketing sono due punti cardine di ogni strategia di creazione di contenuti online. Obiettivo: riuscire ad attrarre il maggior numero di utenti verso il proprio sito o prodotto.

Prima di addentrarci nel merito dell’articolo, cerchiamo di definire cosa sono SEO e content marketing. Entrambe sono due strategie ben note a chi conosce il marketing online. Hanno aspetti in comune e differenze, ma rimangono assolutamente interdipendenti se l’obiettivo è quello di attrarre utenti ed interesse per ciò che offriamo.

Content marketing

Da una parte abbiamo il concetto di “content marketing“. Per definizione, si tratta della creazione e condivisione di contenuti volta ad attrarre utenti verso il proprio sito, attività, o prodotto. L’obiettivo di questa strategia non è tanto quello di pubblicizzare il proprio contenuto con promozioni o slogan, ma quello di avvinare un utente medio che naviga sul web verso ciò che offriamo, cercando di instaurare una vera e propria relazione con lui interessandolo e coinvolgendolo.

Come fare? Esistono professionisti in questo ambito che possono aiutarti. Qui analizziamo i punti principali:

  • creare contenuti ben strutturati, chiari e lineari, pertinenti e di qualità. Un articolo scritto in questo modo alimenta l’interesse del lettore, evitando di annoiarlo facilmente. Così facendo, sarà più probabile che si avvicini volontariamente al prodotto che offri.
  • definire il target del tuo articolo. Questo significa valutare età, sesso, stile di vita, interessi e comportamenti di acquisto del pubblico a cui vuoi destinare il tuo messaggio. Sulla base di questi dati sarà più facile creare contenuti più vicini alle richieste dei tuoi utenti.
  • scegliere i giusti canali di comunicazione e gli strumenti che hai a disposizione. Riuscire a sfruttare tutti i social (Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn) che abbiamo a disposizione può aiutare notevolmente nel raggiungimento del nostro obiettivo.
  • creare un sito e assicurarti che sia accessibile da tutti i dispositivi (pc, smartphone, tablet).

SEO: Search Engine Optimization

Una volta capito cosa intendiamo per content marketing, possiamo comprendere come la SEO sia fondamentale per il raggiungimento del nostro obiettivo: canalizzare il maggior numero di utenti verso il nostro sito, alimentando curiosità ed interesse.

SEO è l’acronimo inglese di “Search Engine Optimization” e significa ottimizzazione per i motori di ricerca. Si tratta quindi di tutto ciò che risponde alle domande: come arrivare tra i primi nei risultati dei motori di ricerca? Come aumentare le visite al proprio sito?

Per migliorare il proprio posizionamento sui motori di ricerca è utile rivolgersi ad agenzie web. In questo articolo cerchiamo di definire la SEO in relazione al content marketing. Infatti, creare contenuti chiari e di qualità è essenziale per attirare gli utenti, ma è altrettanto importante riuscire a raggiungere più persone possibili grazie al proprio posizionamento nelle ricerche web.

Per fare questo è necessario, in primo luogo, “piacere” al motore di ricerca. La maggior parte degli utenti utilizzano Google, il quale ha, come tutti gli altri motori, una propria SERP (Search engine results page), cioè la pagina dei risultati. Essere tra i primi nella pagina significa ovviamente ottenere maggiore visibilità, e quindi maggiori visite, e quindi maggiori possibilità di interessare più utenti possibili.

Vediamo quali sono le principali componenti di una buona campagna SEO per un sito web:

  • Le parole chiave, insieme ai tag, sono il primo passo per una buona ottimizzazione del sito. Sono infatti proprio queste a definire l’argomento che stai trattando
  • Tag title: è l’elemento strutturale di una pagina web a cui i motori di ricerca danno più importanza. Per ottimizzarlo è necessario limitare la sua lunghezza a 55 caratteri, inserire la parola chiave all’inizio e scrivere in modo accattivante.
  • Meta Tag Description: è l’elemento che viene visualizzato in SERP. Non influisce in modo diretto sul posizionamento, però spesso gli utenti non scelgono i primi risultati di una ricerca ma quella che con la meta descrizione soddisfa maggiormente le loro richieste. Per questo motivo, se compilata in modo corretto, può influenzare notevolmente le visualizzazioni della pagina e quindi anche il posizionamento nei risultati.
  • Marcatori Titolo: sono utilizzati per determinare una gerarchia di contenuti e rendere la lettura più accattivante. Inserisci solo un h1 per pagina; mentre i marcatori h2, h3 ecc., possono essere usati più volte.
  • Immagini: sono un elemento che attrae l’attenzione degli utenti e contestualizzano il contenuto della tua pagina. E’ importante che contenga un tag image con la parola chiave che hai scelto e che sia pertinente.
  • Link in entrata: i collegamenti generano traffico ma soprattutto conferiscono autorità. I link trasferiscono l’autorità del sito di origine a quello di destinazione.

SEO e content marketing sono interdipendenti

Appare evidente quanto il content marketing e la SEO siano in relazione tra loro. Non solo condividono lo stesso obiettivo, ma il content marketing è in grado di attrarre utenti solo con una buona SEO alle spalle.

In parole povere, se la SEO si focalizza sui criteri dei motori di ricerca, il content marketing pone l’attenzione sugli utenti, sui suoi bisogni e richieste, facendo appello proprio alla SEO.

Contattaci subito per un preventivo

2 + 3 =

Call Now Button
Open chat